Il gruppo di maggioranza esce dai 5 Stelle - Manno: "Il Consiglio è sospeso di legittimità"

Buzzi e Dall'Olio: "Il sindaco dovrebbe rassegnare le dimissioni"

Nuova seduta del Consiglio comunale di Parma nel pomeriggio di martedì 11 ottobre. E' il primo dopo l'uscita del sindaco Federico Pizzarotti dal Movimento 5 Stelle, avvenuta con l'annuncio in conferenza stampa, in una sala affollata di giornalisti e telecamere. Dopo il bagno di media nazionali il sindaco tornerà tra i banchi del parlamentino parmigiano con i problemi di sempre, l'opposizione che lo attaccherà su varie tematiche, a partire dal tema della legionella. Secondo il programma dei lavori sono previste le interrogazioni di Ghiretti sul degrado al parco Nord e sulla tasse dei rifiuti, quelle di Pellacini sul degrado al Parco Nord e sulla manutenzione del parco di Marano. E' prevista poi l'approvazione del nuovo regolamento comunale del verde pubblico e l'approvazione di alcune modifiche allo Statuto comunale, l'approvazione di una variante agli strumenti urbanistici per la realizzazione di un piazzale in strada Langhirano. 

SEGUI LA DIRETTA

I consiglieri della maggioranza, eletti con il Movimento 5 Stelle, hanno comunicato in Consiglio comunale di essere usciti, anche come gruppo dal Movimento 5 Stelle. Ecco le reazioni dei consiglieri. 

Ghiretti: "Visto che il programma non l'avete rispettato, oggi chi pensate di rappresentare?" 

Dall'Olio: "Se lei fosse sincero dovrebbe dimettersi invece tutto quello che è stato fatto è fatto per rimanere su quella poltrona" 

Buzzi: "Invito i miei colleghi di maggioranza ed opposizione a sotterrare l'ascia di guerra perchè queste cose tolgono tempo alle cose che interessano i cittadini. Bisogna riconoscere al sindaco un atto di coraggio nel rescindere dal Movimento di cui è stato rappresentante per anni. Il sindaco dovrebbe rassegnare le dimissioni perchè è stato eletto grazie alla spinta di rinnovamento che rappresentavano i 5 Stelle. Oggi non avete più rappresentanza. Ho votato Pizzarotti al ballottaggio perchè avevo una speranza che però è stata disattesa" 

Manno: "Il Consiglio comunale è sospeso di legittimità, le Commissione consigliari non esistono più. Non si sa più chi sia la maggioranza, il sindaco deve essere votato dal Consiglio Comunale perchè ora manca una legittimità. Siete stati a Parma il fallimento nazionale di come la politica 2.0 si possa sostituire agli organi previsti. Avete pensato che questo modo di fare politica sostituisse la partecipazione. Chiedo una sospensione perchè si riuniscano i capigruppo"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dichiarazione dei redditi: dal 1° gennaio 2020 le spese da detrarre non possono essere pagate in contanti

  • Calendario di Miss Nonna 2020: per il mese di agosto c'è una nonna parmigiana

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • Tragedia in stazione: uomo travolto ed ucciso da un treno

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

  • Pizzarotti a Salvini: "Ecco il delirio di un uomo, tu non mandi a casa proprio nessuno"

Torna su
ParmaToday è in caricamento