Wcc di via Budellungo, Lasagna: "Alternativa del Pd più costosa"

L'assessore alle Politiche Sociali ha risposto al partito di opposizione che nei giorni scorsi aveva presentato un progetto alternativo per il Welfare Community Center

In seguito alla presentazione di un progetto alternativo al Welfare Community Center di via Budellungo, da parte del Partito democratico, spinto dalla raccolta di più di 3mila firme contro il piano dell'amministrazione, l’assessore alle Politiche sociali, Lorenzo Lasagna, fornisce alcune precisazioni.

“Il progetto presentato dal Pd è evidentemente insostenibile dal punto di vista finanziario: costa almeno il 20% in più e realizza una quarantina di posti in meno. Non a caso nelle realtà amministrate dal Pd la tendenza non è certo quella di realizzare case protette di quartiere, come mostra l’esempio di Torino, dove, fra gli applausi del Partito democratico, il sindaco Chiamparino ha realizzato un’unica struttura da 170 posti - almeno tre volte più grande di quelle previste nel Wcc – e l’ha data in concessione ai privati per 50 anni.

Tra l’altro, nel piano del Pd sono previste strutture da 92 posti, anacronistiche rispetto agli standard previsti dalla Regione Emilia Romagna per le nuove strutture dedicate agli anziani (massimo 75 posti). La loro proposta mal si concilia con il ritornello delle “piccole case di quartiere”. Inoltre, i posti complessivi previsti dal progetto del Pd sono almeno di 40 unità inferiori a quelli che si otterrebbero con la realizzazione del Wcc (540 contro circa 580). In più, la lontananza delle strutture, come è ovvio, aumenterebbe i costi di gestione di almeno il 20%, e di conseguenza porterebbe rapidamente al dissesto il bilancio di Asp.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se questa è l’approssimazione con cui  il Pd amministra le risorse pubbliche, non stupisce che le Asp gestite dal centrosinistra, e dai loro vecchi e nuovi amici, navighino in cattive acque. Questo atteggiamento, spiace dirlo, è sintomatico della grande approssimazione e della scarsa volontà di capire l’importanza delle decisioni che devono essere prese. Ma è chiaro che stando all’opposizione si può dire tutto e il contrario di tutto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Maestra parmigiana litiga su Twitter con un fumettista: poi si incontrano e lo sposa

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

  • Emergenza Covid-19, 100 carabinieri contagiati: un militare di Noceto è deceduto

  • Coronavirus, 3 giugno: ecco cosa potranno fare da oggi i parmigiani

Torna su
ParmaToday è in caricamento