E' Darmian il più 'ricco' ma il Parma è quintultimo

Secondo La Gazzetta dello Sport, il più pagato della rosa è l'ex Manchester con 1,5 milioni: subito dopo la coppia Inglese e Gervinho

Matteo Darmian con Alessandro Lucarelli - foto ParmaToday.it

Il monte ingaggi del Parma è di 31 milioni di euro complessivi. I crociati si collocano in questa speciale classifica di Serie A, davanti a quattro squadre, che sono le dirette concorrenti per la lotta alla salvezza, assieme al Lecce: SpalUdineseBrescia e Verona. Secondo la consueta analisi annuale de La Gazzetta dello Sport - che parla degli stipendi da record nel massimo campionato (1360 milioni totali) - il club di Pizzarotti ha aumentato il monte ingaggi rispetto all'anno scorso. 

'Colpa di Darmian' (si fa per dire) secondo i dati diffusi dal quotidiano. Si scopre che il 'più ricco' della rosa è l'ex Manchester United, che percepisce uno stipendio di 1,5 milioni a stagione. Roberto Inglese si attesta intorno a 1,4, e Gervinho, ancora a 1,3  (il ritocco dell'ingaggio però potrebbe farlo balzare in testa). Tra i giocatori che percepiscono il milione ci sono anche Kucka (1,1) e Karamoh (1). SepeGrassiAlves e Cornelius percepisconon 800mila euro, mentre Siligardi che nel frattempo è finito fuori lista 460mila euro.

Il giovene Alastra (40mila euro) e assieme ad Adorante (80mila), è il giocatore che percepisce di meno, come Kulusevski e Iacoponi, rispettivamente a quota 250 e 260mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Coronavirus, quattro nuovi casi a Parma: il bilancio sale a otto

Torna su
ParmaToday è in caricamento