I magnifici sette diventano otto, riassetto interno nelle quote, Ferrari Presidente di Nuovo Inizio

E' entrato a fare parte della compagine sociale, con una quota di circa il 6,5% Pietro Pizzarotti, che a titolo personale si affianca all’impresa di famiglia

La visura camerale aggiornata alla data odierna inquadra i movimenti societari all’interno di Nuovo Inizio, divenuto nelle scorse settimane azionista quasi totalitario del Parma Calcio, con il 99% delle quote - il residuo 1% è di pertinenza di PPC -. La lettura del documento conferma interessanti novità. Innanzitutto si può notare un riassetto delle quote tra i soci fondatori originari.

Giampaolo Dallara e Mauro Delrio, che probabilmente non hanno partecipato agli ultimi round di finanziamento a sostegno degli aumenti di capitale della controllata Parma Calcio hanno ridotto la loro quota da circa un 14% a circa un 3% ciascuno. Aumentano invece le loro quote di loro proprietà, con circa il 17,5%, Guido Barilla, Marco Ferrari, Impresa Pizzarotti, Giacomo Malmesi ed Erreà.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma c’è un’altra novità: è entrato a fare parte della compagine sociale, con una quota di circa il 6,5% Pietro Pizzarotti, che a titolo personale si affianca all’impresa di famiglia. Novità anche nelle cariche sociali: nelle scorse settimane l’Assemblea ha nominato come Presidente di Nuovo Inizio Marco Ferrari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Bologna: 50enne incinta di sette mesi muore in casa

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus: in arrivo una nuova certificazione

Torna su
ParmaToday è in caricamento