Tragedia di Pellegrino, il padre del cacciatore: "Sono stato io"

Mattia Valdi è morto per un colpo di carabina partito dal fucile del padre

Mattia Valdi, trentenne cacciatore di Salsomaggiore, è stato ucciso domenica mattina durante una battuta di caccia al cinghiale. La tragedia si è consumata a Pellegrino Parmense e, con il passare dei giorni, è stata accertata anche la causa che ha portato alla morte il ragazzo. Il colpo fatale è stato esploso dal padre, Roberto Valdi, impiegato comunale di 58 anni. Era l'ipotesi che circolava dall'inizio di questa brutta storia, confermata proprio dal genitore del ragazzo: "Sono stato io". In stato di choc dopo l'incidente, Roberto è stato ricoverato all'Ospedale Maggiore. 

LA VICENDA

Padre e figlio condividevano la stessa passione per la caccia, finché in un triste giorno, quella passione li ha divisi. Il colpo mortale che ha ucciso il ragazzo di trent'anni è partito accidentalmente dal fucile del padre. Gli inquirenti porteranno avanti le indagini come da protocollo, mentre il padre è indagato per omicidio colposo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Coronavirus: scuole chiuse a Parma e in tutta la regione fino al 1 marzo

  • Precipita da una ferrata: durante un'escursione: muore 33enne parmigiano

Torna su
ParmaToday è in caricamento