Nuovo flash mob in piazza Garibaldi: si protesta contro il precariato

Venerdì prossimo, il 12 novembre, alle ore 16.30 ci sarà la mobilitazione contro la precarietà dell'istruzione pubblica. I partecipanti resteranno in equilibrio su un piede per poi far finta di cadere

Torna il flash mob come strumento di comunicazione contro la precarietà dell’istruzione pubblica italiana.  Proprio lo scorso 6 ottobre, numerosi studenti si sono ritrovati in Piazza Garibaldi, sedendosi a terra, e facendo finta di studiare per due minuti, prima di disperdersi.
La protesta fortemente simbolica è prevista venerdì 12 novembre, sempre in Piazza Garibaldi, alle 16,30.

Ecco il programma diffuso dagli organizzatori:

1.    Alle 16,20 ci si ritroverà in piazza facendo finta di nulla, e cercando di non fare capire cosa succederà.

2.    Alle 16,30 ci sarà un fischio e tutti i presenti dovranno stare in equilibrio su un piede, per simboleggiare la situazione precaria in cui ci troviamo.

3.    Alle 16,32 ci sarà un secondo fischio dove faremo finta di cadere, poi ognuno se ne andrà facendo finta di nulla. Partecipate numerosi, spargete la voce!

Questa sarà una delle tante iniziative in previsione del 17 novembre, quando studenti, ricercatori, docenti e tecnici amministrativi di Parma scenderanno in piazza in occasione della giornata internazionale di mobilitazione studentesca.

Risale invece a sabato scorso l'ultimo flash mob a Parma. La mobilitazione, questa volta, è stata organizzata per mandare un messaggio positivo ai giovani: "Abbracciato alla Vita"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Pioggia e vento, allerta gialla nel parmense: week end con temperature in discesa

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

  • Scatta l'obbligo di gomme da neve sulle strade provinciali

Torna su
ParmaToday è in caricamento