homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Green, giardini commestibili e foreste edibili: il progetto Fruttorti

Gli ideatori del progetto Fruttorti si raccontano a ParmaToday per spiegare l'importanza di "realizzare una rete di giardini foresta commestibili dove le piante forniscono cibo per gli abitanti del quartiere e un habitat simile a quello naturale"

Una varietà antica di albicocche, le Carmen, i ribes, il grano saraceno fiorito, ma anche l'amaranto o la josta, un incrocio tra uva spina e ribes. C'è chi ormai da due anni si prende cura con passione di specie insolite anche in zone come quella di via Picasso o Baganzola, dando vita a veri e propri giardini commestibili tra erbe medicinali, frutti di bosco e alberi da frutto a uso e consumo degli stessi residenti. Così dal progetto innovativo di Fruttorti Parma e dalla passione di un gruppo di volontari seguito da un centinaio di sostenitori, in diverse zone della città ora si possono trovare piccoli orti urbani con il melograno che fiorisce in giugno, le susine piacentine, un'antica specie di grano, il frassineto, le pesche in fiore, le ciliegie o la senape bianca. Un progetto ambizioso lontano da azioni di protesta o da azioni simboliche, come precisa Francesca, la referente, nato da un gruppo di cittadini che ha scelto di smettere di protestare mettendosi invece in gioco in prima persona per realizzare ciò di cui ha bisogno.

Una risposta alla crisi sociale, spiegano gli ideatori del progetto, per far staccare i cittadini dal ruolo di consumatori passivi per scuoterne la coscienza e renderli maggiormente consapevoli dell'importanza di prendersi cura della propria città, in un'ottica partecipativa. Da qui l'idea di creare una rete di foreste edibili e giardini commestibili, secondo il principio dell'imitazione dei sistemi naturali, dove non sono necessari interventi artificiali per mantenere in salute il terreno e le piante. Imitando i processi naturali, spiega Francesca, è possibile inserire negli ecosistemi piante utili all'uomo con meno risorse di quelle necessarie dall'agricoltura industriale, generando benefici per il terreno. "Fruttorti di Parma vuole creare una rete di giardini foresta commestibili dove le piante forniscono cibo per gli abitanti del quartiere ed allo stesso tempo forniscono un habitat simile a quello naturale dove le funzioni essenziali possono essere svolte a supporto dell’intero sistema". Sempre più persone si dicono interessate ad avere un fruttorto nel proprio quartiere, come dimostrano le oltre 500 firme raccolte dai volontari negli ultimi due fine settimana di maggio. Un supporto e un sostegno morale che arrivano non solo dai singoli cittadini, ma anche dagli studenti delle scuole superiori di Parma, che hanno fatto visita al fruttorto, come i ragazzi dei centri estivi del quartiere e gli anziani dei gruppi di cammino, assieme ad alcune associazioni attive nel sociale, che si sono dimostrate interessate ad avviare collaborazioni con i volontari. Per i risultati raggiunti e le finalità etiche dando nuova vita agli spazi urbani, nel novembre 2013 il progetto è stato insignito del riconoscimento Cigno d'Oro da Legambiente.

Un progetto ambizioso, nato il 23 dicembre 2012 e che ora conta 100 alberi di 55 varietà diverse, decine di arbusti di frutti di bosco e numerose piante aromatiche e medicinali in quattro aree del comune di Parma. Tra le particolarità del progetto anche il recupero di specie antiche, come diverse varietà di albicocchi, mele, pere, susine, peschi, giuggiolo, melograno, cotogno, noccioli, e non mancano neanche i lamponi, ribes, uva spina, josta, goji, aronia, goumi, sambuco assieme a specie come l’olivello spinoso, il pisello siberiano o il banano di montagna. Sono sempre più numerosi i volontari che continuano ad aderire all'iniziativa che, sulla base dell'autofinanziamento, punta però a progettare sistemi per la riproduzione delle piante e il compostaggio per riuscire ad autoprodurre il necessario senza risorse esterne. Chiunque può contribuire attivamente alle iniziative del progetto, anche aderendo alla campagna "Adotta un pezzetto di fruttorto", per rendersi disponibili all'irrigazione nel periodo estivo. Non si tratta solo di permettere ai cittadini di riappropriarsi di spazi urbani e trasformarli dando vita a giardini commestibili e favorendo la socialità, ma favorire la consapevolezza dell'importanza di ridurre i consumi delle risorse, anche in un'ottica futura.

Sensibilizzare e proporre alternative con soluzioni che permettano alle realtà locali di affrontare meglio i periodi di crisi agendo in un'ottica sostenibile il principio di base da cui si muove il progetto, partendo anzitutto dal cibo. "Oltre al numero di piante piantumate, all’esperienza fatta nel campo dell’agricoltura sostenibile, alle relazioni createsi tra i partecipanti anche l’aver contribuito a creare questa opportunità fa parte dei risultati ottenuti - sottolinea Francesca -. Ora speriamo che l’iniziativa si diffonda il più possibile in tante aree della città affinché ogni piccolo quartiere possa avere il suo fruttorto".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Cocktail dello sballo davanti alle scuole: 17 arresti per spaccio agli studenti

    • Cronaca

      "Io, senzatetto: la mia vita dentro il Ponte Nord"

    • Cronaca

      Centro, ora i residenti hanno paura: "Non andremo in vacanza"

    • Cronaca

      Duc, chiusura al pomeriggio - Dall'Olio: 'Per Pizzarotti ci sono troppi sportelli comunali?'

    I più letti della settimana

        Torna su
        ParmaToday è in caricamento