Gruppo Autotorino S.p.A. festeggia i 50 anni di attività

L'azienda nata in Valtellina, diffusa in Lombardia ed Emilia Romagna, celebra il mezzo secolo di vita. Nel 2014 cresce la vendita di vetture nuove +15,2%), il fatturato raggiunge quota 215 milioni (+12%) e l'organico conta 270 collaboratori (40 unità in più da gennaio 2014). Inaugurata a settembre la nuova concessionaria BMW-MINI di Parma

Stefano Martinalli, direttore generale Gruppo Autotorino

Cinquant’anni di attività e successi, superando crisi di mercato e difficoltà congiunturali. Risultati eccellenti per il comparto dell’automotive. A livello nazionale, il mercato dell’auto sta ancora tentando faticosamente di uscire da una pesante crisi che ha colpito l’intero comparto. Secondo i dati riferiti da UNRAE, Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri, da gennaio a novembre 2014 in Italia si è registrato un incremento del 2,3% sulle nuove immatricolazioni effettuate da privati, rispetto al medesimo periodo del 2013. In un contesto di mercato così difficile e incerto, nel 2014 Gruppo Autotorino ha ottenuto risultati in netta controtendenza rispetto all’andamento generale delle nuove immatricolazioni, registrando una crescita dei volumi del’15,2% rispetto all’anno precedente.

Una performance molto positiva, che segue quella del 2013 quando il Gruppo aveva chiuso l’anno con un +24,9% sulle nuove immatricolazioni dell’anno precedente. Più in generale, nel 2014, tra nuovo ed usato, Autotorino ha venduto quasi 12mila vetture, generando un fatturato complessivo di 215 milioni di euro (+12% rispetto allo scorso anno).

Lo sviluppo nel 2014. Nel 2014 lo sviluppo di Autotorino ha segnato un punto importante con l’apertura a settembre della concessionaria BMW MINI a Parma. Una nuova importante presenza in un’altra provincia dell’Emilia Romagna. Oggi Autotorino conta su uno staff di 270 persone. Nel corso dell’anno sono entrati a far parte dell’organico 40 nuovi collaboratori, inseriti nelle diverse divisioni aziendali e diffuse nelle 11 sedi presenti sul territorio nazionale. L’azienda ha qualificato la sua strategia commerciale interpretando la filiera automotive nella sua interezza, offrendo ai clienti servizi post-vendita di brand iper-qualificati, servizi finanziari e assicurativi alle più competitive condizioni di mercato ed un contatto costante smart con app dedicate.  

Una storia di passioni. La nascita di Autotorino risale al 1965, quando Arrigo Vanini – padre dell’attuale presidente Plinio – aprì a Morbegno in Valtellina, la prima officina. Nel 1985, Plinio, all’epoca 22enne, rilevò la guida dell’azienda, subentrando al padre, scomparso prematuramente. Da qui comincia la crescita progressiva del gruppo, incentrata sulla vendita di vetture di importazione: nel 1991 apre la nuova concessionaria a Cosio Valtellino (So), oggi sede del centro direzionale. Seguono le concessionarie di Lecco, Como e Bergamo, e ancora quelle di Modena, Carpi (Mo), Cremona e Parma. Oggi il Gruppo valtellinese è concessionario di 11 marchi tra i quali spiccano Mercedes-Benz, Smart, BMW, BMW Motorrad, MINI, Jeep, Subaru, Kia, Hyundai, SsangYong, Mitsubishi. 

Parma: l’ultima nata. Una sede importante, di nuova concezione, in sintonia con la filosofia di future retail di BMW e MINI. Queste sono solo alcune delle caratteristiche del nuovo showroom Autotorino inaugurato a settembre, l’undicesimo del Gruppo. Con un investimento di 4,5 milioni di euro, è stato realizzata una sede espositiva di 2.200mq su un’area totale di 6.000. Autotorino arriva a Parma in un momento favorevole per il brand BMW, in un 2014 che è stato ricco di novità, di entusiasmo e nuovi modelli. Chi visiterà la sede verrà accolto in una vera e propria bomboniera in vero stile BMW MINI. Immagine, ma anche tanta sostanza grazie alla passione, all’entusiasmo e alla professionalità dell’equipe guidata da Simone Pellegrini. Seppure la realtà di Parma abbia mosso i primi passi nel 2014, i risultati ottenuti in questo anno sono molto lusinghieri e fanno ben sperare in una crescita brillante di questa realtà. 

Plinio Vanini: innovazione e fiducia. Plinio Vanini, presidente del Gruppo, ha riassunto così la formula vincente che ha reso Autotorino il benchmark di riferimento per tutta l’automotive italiana: «In questi 50 anni di attività - racconta – non abbiamo mai smesso di innovare e investire. La decisone iniziale di puntare sule vetture di importazione ci ha permesso di differenziare la nostra offerta. Con il tempo abbiamo perfezionato un modello di business che oggi si basa sul controllo e l’analisi in tempo reale dei dati generati dal nostro lavoro. Una formula collaudata, che è stata applicata a ciascuna delle nostre filiali. Il tutto, mantenendo una grande attenzione sulla qualità del servizio. Ogni giorno abbiamo dimostrato di meritare la fiducia dei clienti, dei collaboratori, dei fornitori, delle case e dei partner con cui abbiamo incrociato la nostra storia. Ed è ciò che continueremo a fare”.

Stefano Martinalli: cogliere le sfide del futuro. «Se esaminiamo la storia di Autotorino – spiega Stefano Martinalli, direttore generale Gruppo Autotorino - non possiamo fare a meno di notare che l’evoluzione della nostra azienda è il frutto di intuizioni rivelatesi felici, attuate in momenti cruciali per il mercato dell’auto. E’ stato così in origine con l’importazione di fuoristrada che poi sono diventati una parte importante dell’intero mercato auto. Siamo stati i primissimi in Italia ad aprire concessionarie multibrand, una tendenza del mercato che oggi è divenuta consolidata. Siamo stati fra i primissimi ad investire sul mercato online, con piattaforme dedicate alla vendita di auto nuove ed usate. La mission aziendale si fonda su cinque pilastri: la centralità del cliente, la formazione del personale, l’innovazione costante dei processi, il controllo delle performance aziendali e la condivisione dei risultati con tutti i collaboratori”.  

Dati generali Gruppo Autotorino 2014 . Auto vendute nel 2014 (nuovo e usato): 11.350 (+11% rispetto allo scorso anno), Auto nuove vendute nel 2014: 6.249 (+15,2% rispetto allo scorso anno) Fatturato 2014: 215 milioni di euro Collaboratori e dipendenti: 270 Nuove assunzioni del 2014: 40  Filiali del gruppo: 11  Cosio Valtellino (So), Castione Andevenno (So), Curno (Bg), Valmadrera (Lc), Olginate (Lc), Tavernerio (Co), Parma, Cremona, Modena Mercedes-Benz, Modena Hyundai, Carpi (Mo). Brand auto rappresentati: 11 Mercedes-Benz, Smart, BMW, BMW Motorrad, MINI, Jeep, Subaru, Kia, Hyundai, SsangYong, Mitsubishi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Da Piazza della Pace a Piazza Garibaldi: anche Parma protesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento