menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inglese: nel 2016 gli italiani lo hanno studiato soprattutto per lavoro, ma è in aumento il numero di chi lo fa per cultura personale

Ma a Parma la maggioranza degli intervistati desidera rendere più appetibile e spendibile il proprio curriculum

Gli italiani studiano l’inglese soprattutto per lavoro ma, nel 2016, è cresciuta significativamente la percentuale di chi lo ha fatto per cultura personale. Questo è ciò che emerge dall’annuale report sullo studio dell’inglese svolto da My English School, la scuola che attraverso l’originale metodo “MySmart English” ha innovato l’insegnamento della lingua inglese in Italia.

Dallo studio risulta che nel 2016, su un campione di 5700 persone iscritte ad un corso di inglese presso MyES, il 38% ha preso lezioni principalmente per scopi professionali, segno che il miglioramento della posizione lavorativa passa anche attraverso lo studio delle lingue. In più, se a questo dato si somma quello relativo a chi studia l’inglese per migliorare il curriculum (14%), si arriva al 52% del campione totale che studia una seconda lingua allo scopo di incrementare le occasioni professionali. Rispetto al report 2015 si tratta di una crescita di ben 10 punti percentuale: si è passati in un anno dal 42% al 52%, un dato sostenuto principalmente da chi si è iscritto per migliorare il CV (percentuale quasi raddoppiata, dall’8% al 14%).

Cresce, rispetto al 2015, anche il numero di chi si è iscritto ad un corso di inglese per motivazioni legate allo studio (dall’11% al 17%), segnale forse indicativo di una situazione di difficoltà delle scuole italiane che stentano a preparare adeguatamente gli studenti dal punto di vista linguistico in vista del loro ingresso sul mercato del lavoro. Non è un caso, infatti, che il 27% degli iscritti ad un corso di inglese a livello nazionale sia uno studente di scuola superiore, universitario o frequentante un corso di post-formazione.

Ma la vera sorpresa del 2016 è l’impennata del dato relativo a chi desidera seguire lezioni di inglese per cultura personale: nel 2014 solo il 14% studiava l’inglese con questo obiettivo; nel 2015, invece, il dato era drammaticamente calato all’8%; nel 2016 è tornato a salire fino a raggiungere il 25%.

E se l’inglese è studiato da chi desidera acquisire strumenti essenziali per capire il mondo e la realtà sempre più complessa che ci circonda, dal suo studio non può esimersi anche chi desidera viaggiare all’estero in autonomia e conoscere nuove culture: il dato rimane invariato rispetto al 2015 e si mantiene stabile sul 5%.

Senza dimenticare l’1% degli intervistati che studia inglese poiché desideroso di farsi nuovi amici e conoscere persone.

Infine, a livello di genere, è da segnalare che, nel 2016, il 52% di chi ha frequentato un corso di inglese era donna e ha preso lezioni di lingua per i motivi più svariati: si va dal desiderio di migliorare il proprio CV alla voglia di conoscere nuove persone, passando per le necessità legate allo studio o professionali. In 12 città su 15 prese in esame, le studentesse donne si sono rivelate essere di più rispetto agli studenti uomini.

La scuola MyES di Via Provesi 3A a Parma si è guadagnata, nel 2016, un primato importante a livello nazionale: qui, infatti, la maggioranza degli iscritti è interessata a migliorare il proprio CV al fine di renderlo appetibile agli occhi di un reclutatore e maggiormente spendibile sul mercato del lavoro (si tratta del 32% del campione). Ma al pari di chi desidera potenziare il proprio curriculum, c’è anche chi è interessato a migliorare la propria posizione lavorativa e a fare avanzamenti di carriera: si tratta del 30% degli intervistati. Infine è da segnalare che il 9% del campione è interessato a spostarsi all’estero e desideroso di viaggiare in maniera più autonoma alla scoperta di luoghi lontani e sconosciuti.

«Parma è una città in cui si vive bene e in cui i cittadini sono attenti non solo alla carriera ma anche alla qualità della vita. Cose che emergono con chiarezza dai dati raccolti e dalle motivazioni addotte dagli intervistati» ha dichiarato Luigi Sguerri, Amministratore Unico di MyES. «L’inglese è diventato ormai uno strumento necessario per capire il mondo ed è un prezioso alleato se si desidera ampliare il proprio business; conoscerlo è importante ma è il metodo con cui lo si apprende che fa davvero la differenza».

A proposito di My English School:

My English School è la scuola d’inglese che pone al centro della didattica le esigenze dello studente e propone un metodo d’insegnamento completamente personalizzato.

Nel 2010 Luigi Sguerri dà vita al progetto MyES: l’idea è quella di insegnare l’inglese in modo semplice e coinvolgente per garantire agli studenti l’opportunità di vivere un’esperienza di studio differente da quanto già presente sul mercato. Ciò è stato possibile grazie all’elaborazione del metodo proprietario “MySmart English”, un approccio innovativo fondato sulle più avanzate teorie linguistiche e che abbina la didattica tradizionale, basata sullo studio della struttura linguistica, a un’intensa attività di conversazione in piccoli gruppi.

My English School apre la prima sede a Firenze nel 2011. Oggi è una realtà presente su tutto il territorio nazionale con le sedi di Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Modena, Monza, Napoli, Padova, Palermo, Parma, Roma, Torino, Treviso e Verona. Il gruppo conta circa 250 dipendenti e, dal 2011, ha insegnato inglese a oltre 15.000 studenti. Per il 2017 si prevede il completamento della copertura nazionale con 5 nuove aperture.

Visita il nostro sito: www.myenglishschool.it/parma

Seguici anche sulla pagina Facebook: www.facebook.com/myenglishschoolparma

Contatti per la stampa:

EARLY MORNING

Valerio Genovese

Email: valerio.genovese@earlymorning.com

Telefono: +39 02 2820943

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma aumentano i casi: 124 e un decesso

  • Cronaca

    Parma torna in zona gialla: cosa cambia

  • Attualità

    "Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento