rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Economia

Caro energia, stop agli aumenti di Iren: la soddisfazione di Federconsumatori

L'associazione: "E' stata riconosciuta la fondatezza della segnalazione"

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha adottato misure cautelari nei confronti di Iren, Iberdrola, E.ON e Dolomiti Energia, per non aver rispettato il divieto di modificare il prezzo di fornitura di energia elettrica e gas naturale disposto dal Decreto Aiuti bis nell’agosto di quest’anno. È dunque stata riconosciuta la fondatezza della segnalazione di Federconsumatori Emilia-Romagna, che aveva evidenziato l’indebita comunicazione di Iren alla propria clientela circa la scadenza delle offerte a prezzo fisso, effettuata per applicare nuove e peggiorative condizioni di fornitura, sostituendo le precedenti comunicazioni di modifica unilaterale delle condizioni economiche con nuove comunicazioni parimenti vietate dal Decreto Aiuti bis. Siamo quindi profondamente soddisfatti per aver contribuito a restituire un po’ di sollievo ai cittadini. 

Ora le quattro società dovranno attenersi alla disciplina prevista dalla legge ed informare i consumatori, individualmente e con la stessa modalità adottata in precedenza, circa l’inefficacia delle comunicazioni inviate e circa l’emanazione delle misure cautelari. Con la pronuncia dell’Autorità, gli aumenti  tariffari prospettati sono sospesi fino al 30 aprile 2023 e devono  essere mantenute in essere le tariffe in vigore antecedentemente il 10 agosto 2022 (data di entrata in vgore del  Decreto Aiuti bis).  Resta alta l’attenzione di Federconsumatori alle condotte dei gestori, sia per l’adempimento degli obblighi imposti dall’Autorità, sia, più in generale, per continuare a monitorare il rispetto delle regole di buona e diligente condotta verso i clienti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro energia, stop agli aumenti di Iren: la soddisfazione di Federconsumatori

ParmaToday è in caricamento