menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zucchero, il vicepresidente Ferrari: "Comparto a rischio senza gli aiuti"

Lettera ai presidenti delle Commissioni Agricoltura di Camera e Senato, Paolo Russo e Paolo Scarpa Bonazza Buora, per ribadire che senza gli 86 milioni di euro promessi rischia di saltare una filiera strategica per la nostra economia

Dopo le audizioni in Camera e Senato, il presidente del Tavolo nazionale del bieticolo-saccarifero Pier Luigi Ferrari, vicepresidente della Provincia di Parma, ha scritto oggi una lettera ai presidenti delle Commissioni Agricoltura di Camera e Senato, Paolo Russo e Paolo Scarpa Bonazza Buora, per ribadire l’urgenza assoluta degli aiuti promessi dal governo al settore, 86 milioni di euro senza i quali rischia di saltare una filiera strategica per la nostra economia.


“Ribadiamo la necessità di ricevere al più presto gli aiuti promessi per far fronte alle ormai non più prorogabili necessità della filiera bieticolo-saccarifera”, si legge nella lettera. “Senza questi aiuti sarà ben difficile superare l’attuale difficoltà e guardare allo sviluppo possibile del prossimo futuro, che come noto non prevederà più incentivi a partire dal 2011, per salvare  un settore del made in Italy che riveste sicuramente carattere di strategicità. E ciò è ancora più vero per la parte agricola della filiera, che versa in condizioni di maggiore debolezza e che si trova a dover avviare la semina entro poche settimane, ancora in assenza di informazioni certe sull’arrivo degli aiuti, dopo le continue rassicurazioni che da due anni a questa parte stiamo rivolgendo per poter consentire la produzione industriale, senza ancora aver potuto onorare alcuna promessa”.

Dal tavolo l’impegno ad “agire con le Regioni per sostenere in primis il primo anello agricolo della catena, la coltivazione della materia prima, ed attivare azioni per portare su livelli economicamente accettabili il prezzo delle bietole, così come la parte industriale si farà, e si sta già facendo, parte attiva per recuperare ulteriore efficienza e competitività anche attraverso progetti particolarmente innovativi. Senza però gli 86 milioni di euro promessi questa partita è già persa in partenza ed un intero comparto produttivo, e le migliaia di lavoratori dell’industria e dell’agricoltura coinvolti, rischiano di perdere l’ultima possibilità rimasta loro. È con l’auspicio che questa situazione, la cui gravità è sotto gli occhi di tutti, si possa sbloccare, che rimettiamo al Governo italiano – conclude Ferrari nella lettera - la decisione finale sulla sopravvivenza o meno di questo comparto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa dal 1° marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento