Abbado al Teatro Farnese: 1000 giovani alle prove di domenica

Gli under 30 saranno i primi che torneranno a calcare, dopo quasi quattro secoli, le gradinate in legno del Teatro Farnese, una sorta di nuova inaugurazione del più bello e più maestoso teatro barocco del mondo

Saranno mille giovani, come espressamente richiesto dal maestro Claudio Abbado, i primi che torneranno a calcare, dopo quasi quattro secoli, le gradinate in legno del Teatro Farnese di Parma in occasione del concerto allestito dalla Fondazione Teatro Regio di Parma, una sorta di nuova inaugurazione del più bello e più maestoso teatro barocco del mondo. La prova generale del concerto, che Abbado dirigerà il prossimo 12 giugno alla testa dell'Orchestra Mozart, è in programma sempre per domenica alle 12,30 ed è stata riservata a 100 allievi del Conservatorio di Musica 'Arrigo Boito' di Parma e a 900 giovani della città emiliana, invitati tra quelli che partecipano al progetto 'Under 30' ideato dall'amministrazione comunale con il Teatro Regio di Parma in occasione del Festival Verdi 2010. L'iniziativa è in linea con la filosofia del maestro che ha sempre sostenuto i giovani talenti. Dal lontano 1978, quando fondò la European Community Youth Orchestra, Abbado ha sempre voluto promuovere la musica nelle nuove generazione dirigendo anche la Chamber Orchestra of Europe, la Gustav Mahler Jugendorchester (dalla quale si è costituita la Mahler Chamber Orchestra) e l'Orchestra del Festival di Lucerna. A Caracas e a l'Havana, nel 2005, Abbado ha iniziato poi a fare musica con l'Orquesta Simon Bolivar, la cui attività si inserisce nella grandiosa iniziativa portata avanti da trent'anni da José Antonio Abreu e dove sono coinvolti quattrocentomila giovani musicisti, molti dei quali provenienti dal mondo poverissimo dei barrios, a cui è stata data la possibilità di ricevere degli strumenti musicali e un'adeguata educazione. Il pubblico di giovani e giovanissimi, oltre ad ascoltare in anteprima la scaletta della serata (tre composizioni di Mozart: la sinfonia n.35 in re maggiore k385 'Haffner', il Concerto per oboe e orchestra in do maggiore k314 e il Concerto n.5 per violino e orchestra in la maggiore k219 e, infine, la 'Pastorale' di Beethoven, la sinfonia n. 6 in fa maggiore op.68), saranno i primi ad ammirare il fondale acustico scenografato realizzato appositamente dal Teatro Regio di Parma per questo evento. Scenario che ritrarrà la veduta di Parma dal greto dell'omonimo torrente dell'incisore Martial Desbois (1630-1700), tratto da una scena ideata da Ferdinando Galli Bibiena per uno degli spettacoli realizzati proprio al Teatro Farnese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

Torna su
ParmaToday è in caricamento