rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Eventi

'Sfumature di azzurro' fa tappa a Parma

L’esposizione, con il patrocinio del Comune di Parma, sarà al Laboratorio Aperto del Complesso di San Paolo e l’ingresso sarà libero. Ampio spazio ai cimeli che raccontano la storia della Nazionale femminile

È Parma la nuova tappa della mostra itinerante del Museo del Calcio. ‘Sfumature di azzurro’ – questo il nome dell’esposizione che porta in giro per l’Italia i cimeli, solitamente presenti a Coverciano, che raccontano la nostra storia calcistica – sarà infatti nella città ducale a partire da sabato 2 e fino a martedì 5 dicembre.

Dove e quando. Per la prima volta la mostra itinerante del museo di Coverciano seguirà una sfida della Nazionale femminile; dopo il successo della tappa a Roma, in occasione della partita della Nazionale maschile contro la Macedonia del Nord, sarà possibile visitare l’esposizione ‘Sfumature di Azzurro’ – con il patrocinio del Comune di Parma – al Laboratorio Aperto del Complesso di San Paolo (Vicolo delle Asse 5), a ridosso della gara di Nations League che le Azzurre dovranno affrontare allo stadio ‘Tardini’ martedì 5 contro la Svizzera (calcio d’inizio ore 19). L’ingresso sarà libero e si potrà visitare la mostra sabato 2, domenica 3 e lunedì 4 dicembre dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 19; il giorno della partita, martedì 5 dicembre, l’esposizione sarà aperta solo la mattina, dalle ore 9 alle ore 13.

I cimeli. Saranno numerosi gli oggetti presenti al Laboratorio Aperto del Complesso di San Paolo che raccontano decenni di storia calcistica azzurra, a cominciare dal pallone utilizzato per l’amichevole Italia-Inghilterra del 1933 o dal ‘diploma’ del successo alle Olimpiadi di Berlino del 1936. E poi ancora, solo per citare alcuni cimeli che colpiscono l’immaginario di milioni di tifosi e appassionati: la maglia indossata da Fabio Capello nel 1973, nella prima vittoria azzurra a Wembley; la maglia vestita da Paolo Rossi ai Mondiali del 1978 e quella di Beppe Bergomi al Mundial del 1982; i guanti di Dino Zoff, sempre relativi al Mondiale di Spagna; la maglia di Roberto Baggio dei Mondiali di Francia ’98 e quella di Gianluigi Donnarumma a Euro2020, quando è stato votato miglior giocatore della competizione.

Particolare attenzione sarà data al mondo del calcio femminile e infatti non mancheranno cimeli dedicati alle Azzurre, dalla maglia indossata da Barbara Bonansea ai Mondiali del 2019 a quella di Carolina Morace degli Europei del 1997; dalla divisa di un’altra leggenda azzurra come Betty Vignotto (1982) agli scarpini della giocatrice che detiene il record di presenze e reti in Nazionale, Patrizia Panico (204 partite in azzurro ‘condite’ da 110 gol). E ancora: gli scarpini calzati da Sara Gama durante la Coppa del Mondo del 2019 e la maglia con cui Lisa Boattin ha conquistato il terzo posto ai Mondiali Under 17 disputati in Costa Rica nel 2014.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Sfumature di azzurro' fa tappa a Parma

ParmaToday è in caricamento