Elezioni, Pizzarotti commenta i risultati: "Non siamo in profonda crisi"

"Sono entrati in tutti i comuni i nostri consiglieri. Fino all'altro ieri questo sarebbe stato un grande successo, il dato preoccupante è l'astensionismo"

Siamo in profonda crisi? No, sono entrati in tutti i comuni i nostri consiglieri. Fino all'altro ieri questo sarebbe stato un grande successo, adesso invece c'é chi fa il paragone con le elezioni nazionali dimenticando che sono contesti diversi". Non parla di flop a 5 Stelle il sindaco di Parma Federico Pizzarotti commentando i risultati delle amministrative. "Forse speravo in qualche sindaco in più per fare rete - ha aggiunto - ma il dato che preoccupa è l'astensionsimo". 

"Io guardo i numeri - ha detto il primo cittadino parmigiano - e dico che quelli che abbiamo raccolto sono gli stessi risultati delle precedenti amministrative. Poi dipende dal territorio e dal candidato. Non c'é da sorprendersi quindi. Io ho parlato con i candidati e nessuno si attendeva di raggiungere il 28 per cento, il risultato delle politiche. Secondo me è stata più un'aspettativa dei media e degli opinionisti". Anche se Pizzarotti non nega che c'era la speranza di arricchire con qualche altra città il palmares dei Comuni a cinque stelle.

Forse speravo in qualche sindaco in più per fare rete - ha detto - vorrà dire che a Parma rimaniamo il capoluogo di provincia esempio italiano per dimostrare che si può lavorare con il nostro programma". Penalizzati ancora dall'assenza dalle trasmissioni politiche? "Non è a livello nazionale - ha risposto Pizzarotti - che si valorizzano i candidati delle comunali. Io so che nelle televisioni locali i nostri amministratori sono molto conosciuti e ci sono andati tutti. Non è andando al talk-show nazionale che aumentano i voti in un comune piuttosto che in un altro. Ma non è questa la lettura giusta per i risultati delle amministrative: è il lavoro che si fa sul territorio in tanti anni, il radicamento che gli altri partiti hanno fatto in quaranta anni. Le comunali sono legate alle persone, ai programmi che si intendono realizzare". Il dato che Pizzarotti vuole sottolineare come particolarmente preoccupante è invece quello dell'astensionismo. "E' legato alla disaffezione - è la sua spiegazione - in tanti dopo le politiche si attendevano un cambiamento e poi in un solo mese ci siamo resi conto che a livello nazionale non è mutato nulla. Così, per la delusione in tanti non sono andati a votare, alle elezioni comunali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento