Grillo, 5mila persone in piazza: "E' finito il giochino degli appalti"

Beppe Grillo matador sul palco allestito il piazza Garibaldi dai sostenitori del Movimento 5 Stelle. Dopo l'arrivo del capo politico del Movimento 5 Stelle con il servizio d'ordine che ha fatto fatica a contenere i flash dei fotografi, Grillo a Parma è un fiume in piena. "Devono andare tutti a casa".

Beppe Grillo matador sul palco allestito il piazza Garibaldi dai sostenitori del Movimento 5 Stelle. Dopo l'arrivo del capo politico del Movimento 5 Stelle con il servizio d'ordine che ha fatto fatica a contenere i flash dei fotografi, Grillo a Parma è un fiume in piena. "Devono andare tutti a casa".

"Questa è la nostra Stalingrado e l'abbiamo presa". Così Beppe Grillo ha salutato i circa cinquemila parmigiani presenti in piazza Garibaldi per il comizio finale della giornata emiliano-romagnola del suo Tsunami-tour, nella città simbolo del Movimento 5 Stelle, al governo dalla scorsa primavera con il sindaco Federico Pizzarotti. "Viviamo in un momento di stallo e se la prendono con Pizzarotti - ha proseguito - la Procura sta indagando sulla gestione passata di Parma e dicono che la causa del buco è di Pizzarotti. Qui è finito il giochino degli appalti truccati".

VIDEO: TENSIONE CON IL SERVIZIO D'ORDINE

"Berlusconi ha detto che toglie l'Imu e poi vi regala anche un set di pentole. Se credete ancora a Berlusconi dovete credere anche a Coccolino". Così Beppe Grillo ha replicato alla proposta del leader del Pdl sulla tassa sugli immobili proposta oggi, parlando a Parma, nell'ultima tappa della sua giornata in Emilia-Romagna. Stoccata anche su Monti e Bersani: “Il primo è un esorcista e il secondo minaccia di sbranare chi tocca il Pd su Mps. Ma se non ha le gengive a forza di succhiare Berlusconi da 20 anni”. Tira in ballo anche Antonveneta parlando di un buco da 21 miliardi, “due volte Parmalat” e poi ritorna a parlare della crisi “La gente non sa come fare, a Prato hanno chiuso due negozi cinesi”, risate tra i presenti. “Se chiudono anche i cinesi vuol dire che la situazione è insostenibile. Togliamo i vitalizi e doppi incarichi. Ci vuole un reddito di cittadinanza”.

"Iren è una società per azioni del Pd. Gli è sfuggita Parma e continuano a perdere tre miliardi", ha detto Beppe Grillo sul palco della città emiliana parlando della multiutility dell'energia che sta costruendo il contestato nuovo inceneritore, tema su cui i grillini hanno impostato e condotto la loro vittoriosa campagna elettorale per le comunali. "C'é un conflitto di interessi enorme - ha aggiunto - perché i comuni sono allo stesso tempo proprietari e clienti. Ricordate che quando il titolo in borsa perde il 30% loro aumentano del 30% le tariffe". Poi l'attacco diretto all'inceneritore. "I comuni dovranno assicurare nei prossimi anni il quantitativo di rifiuti richiesto - ha sottolineato Grillo - se fate la differenziata aumentano le tariffe, se consumate meno acqua perché siete in crisi o siete parsimoniosi aumentano le tariffe, il giochino ore deve finire. Qui non si ruba più, è una rivoluzione".

PROTESTE- Presente anche il sindaco Pizzarotti e alcuni membri della giunta contestati dal Comitato Famiglie Parma che con passeggini vuoti alla mano puntano il dito sulla decisione di cancellare il Quoziente Parma e di alzare le tariffe di asili nido e materne. “Pizzarotti  - ribatte Grillo - ha aumentato le rette alle famiglie più ricche per sostenere quelle più povere. Adesso che non si ruba più non aumenteranno più. Ha trovato una situazione catastrofica e se la prendono con lui”. Non è dello stesso avviso Giuliana Marcon, portavoce del comitato: “Gli aumenti hanno colpito tutti, non solo le famiglie più ricche. Ci sono famiglie che sono state costrette a togliere uno dei propri figli dal nido perché non se lo possono permettere. Hanno deciso di eliminare il quoziente parma senza prima parlare con le famiglie. E sarebbe questa la partecipazione di cui parlano tanto?”.

PUBLIC MONEY. “Io sono contro gli arresti, preferisco i lavori socialmente utili” così Grillo commenta l’inchiesta della Procura di Parma che ha portato all’arresto all’arresto dell’ex sindaco Pietro Vignali. “Questa è una città ricca che è stata sbranata ma non come Gargamaella che ha solo le gengive, qui hanno usato i denti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

  • Lavoratori in nero, camerieri senza mascherina e scarsa igiene: pioggia di multe alla Fiera del Fungo di Borgotaro 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento