menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piano Parcheggi, i grillini: "Progetto sbagliato, troviamo un'alternativa"

Intervento del Movimento 5 Stelle che si rivolge al sindaco Vignali: "Se si dovesse proseguire nel firmare le concessioni per gli altri 7 parcheggi previsti e si incontrassero ancora problemi ad attuarli, i costi per le casse comunali sarebbero molto alti

Intervento del Movimento 5 Stelle sulla questione "Parcheggi a Parma".

Se un atto pubblico fosse uno scritto d’amore tracciato sulla sabbia, il vento a poco a poco lo porterebbe via con sé… Si tratta invece di una delibera di giunta a firma del primo cittadino che propone e prende impegni precisi con un’azienda, indica cifre importanti e dice cose diverse, molto diverse, da quelle espresse poi in lettere di replica o proclamate al vento in un piazzale, o in estemporanee conferenze stampa tenute da parte del primo cittadino.

Gli atti di una Giunta Comunale sono le pagine di un’azione politica e amministrativa, e la Deliberazione n. 1467/73 del 28/10/2010 dichiara a chiare lettere “di soprassedere, temporaneamente, alla realizzazione del parcheggio di p.le d’Acquisto” e che “sotto il profilo dell’impatto strategico, si valuta l’esigenza e l’opportunità di un aggiornamento del cronoprogramma generale del Piano Comunale Parcheggi in Centro Storico” mentre “permangono invariate tutte le condizioni oggettive della gara d’appalto e che per effetto di decisioni di esclusiva natura politica, attinenti la strategia attuativa per la gestione del programma di interventi, si procede oggi a convenire le nuove modalità di intesa operativa per la realizzazione delle opere programmate”.

Dove possiamo “parcheggiare” le dichiarazioni che il sindaco fa e che sono invece contrarie agli atti che firma? La necessità di trovare soluzione ai problemi di traffico e parcheggio sono evidenti, ma se trovarla attraverso parcheggi interrati privati e molto costosi in centro storico incontra sin dall'inizio seri problemi di fattibilità, non sarebbe il caso di fermarsi prima di firmare ulteriori concessioni per la loro realizzazione?

A fronte di un diritto di superficie risibile di euro 214.285 per 90 anni (2.380 euro all’anno, non ci sembrano un grande affare) che è l’importo che la ditta concessionaria deve alla città per ogni area destinata a parcheggi privati in centro storico, sono invece 700.000 euro quelli che noi tutti pagheremo alla medesima ditta qualora non realizzassimo il solo parcheggio in p.le Salvo, a meno che non si dia in cambio alla ditta un’altra area egualmente produttiva.

Se si dovesse proseguire nel firmare le concessioni per gli altri 7 parcheggi previsti (dato che per piazzale Picelli la convenzione è già stata firmata) , i costi per le nostre casse comunali sarebbero molto alti, troppo. I vantaggi di queste operazioni non sembrano evidentemente diretti verso un interesse pubblico: va ricordato e ribadito che non sono aree di parcheggio per tutti, ma sono di fatto garage privati che costeranno non meno di 60 / 70.000 mila euro cadauno.

Per comprendere meglio alcuni aspetti che risultano poco chiari crediamo sia il caso di rivolgere alcune domande al sindaco: la ditta vincitrice dell’appalto certamente tutela i propri interessi e fa bene a farlo, ma anche noi dovremmo fare lo stesso, non crede? A ciò si aggiunge, sempre nella delibera sopracitata, che il Comune “si dovrà impegnare a promuovere nelle sedi opportune la sostenibilità del Piano Parcheggi e ad adottare ogni misura opportuna per la valorizzazione della scelta e dell’attuazione del sistema di parcheggi approvato”.

Le si chiede, a quali costi e con quali mezzi intendete promuovere la sostenibilità del Piano Parcheggi? Ovvero, perché dovranno essere i cittadini ad impegnarsi a promuovere la vendita di parcheggi privati e a quali costi? Sindaco, lei dice che a breve inizierà il progetto di riqualificazione di p.le Salvo e che il progetto, come logica conviene, esclude che lì si faccia poi un parcheggio. Sembrerebbe cosa ovvia è invece non lo è.

Le chiediamo: non è già stato riqualificato p.le Picelli e non avete previsto di fare sullo stesso piazzale un parcheggio privato interrato? Non è già stato riqualificato Borgo Parente e non avete previsto un parcheggio privato interrato anche lì? E di piazzale Matteotti cosa ci dice? Non considera sufficientemente riqualificato anch'esso? E non prevedete anche lì un parcheggio privato interrato? Un buon padre di famiglia che tenesse ai propri figli, di fronte ad un danno accertato più alto del beneficio, si fermerebbe, troverebbe accordi più favorevoli alla propria famiglia e li metterebbe per iscritto, in modo chiaro ed inequivocabile, per evitare che le parole lasciate al vento e sulla sabbia si disperdano con la risacca.

Si faccia consigliare, in città troverà molte madri e padri di famiglia capaci e imprenditori, piccoli e grandi, altrettanto capaci e in grado di giungere ad accordi migliori degli attuali che ci portino benefici reali e a vantaggio di tutte la famiglie, di tutta la città. Siamo convinti che sia possibile trovare una strada che ci liberi da questo progetto sbagliato limitando i danni, siamo convinti anche che ai problemi della viabilità, dell’inquinamento e dei parcheggi si possano trovare soluzioni migliori e rivolte al bene collettivo. Siamo disponibili anche noi a darle una mano, a risolvere l’arcano che, a dirle il vero, non ci sembra troppo complicato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento