menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ausili per migliorare l’autonomia degli ipovedenti

Un corso, organizzato dalla Clinica oculista dell’Ospedale Maggiore, per condividere con i professionisti strumenti e percorsi della riabilitazione visiva

Per loro camminare per strada può essere difficoltoso, una partita a carte quasi impossibile, un computer si trasforma in una macchia indistinta: stiamo parlando delle persone ipovedenti per le quali la tecnologia, la chirurgia e la riabilitazione mettono a disposizione sempre più strumenti per rendere accettabile il deficit visivo, sia congenito che acquisito. Dei percorsi possibili e delle moderne tecnologie ne hanno parlato oggi (giovedì 28 giugno) alla Sala congressi dell’Ospedale Maggiore gli specialisti del settore chiamati a condividere le loro esperienze nel convegno organizzato dalla Clinica Oculistica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria con la direzione scientifica del direttore della Clinica prof. Stefano Gandolfi affiancato dal dottor Fernando Onofrio Avellis.

Il corso, articolato su due giornate (la seconda sarà giovedì 20 settembre), si pone l’obiettivo di affrontare la riabilitazione della persona ipovedente in funzione di ogni fascia di età, studiandola sia da un punto di vista funzionale sia da un punto di vista chirurgico, senza tralasciare l’iter burocratico da seguire per ottenere gli ausili necessari. Un corso a 360° sui pazienti ipovedenti: al tavolo dei relatori sono, infatti, stati chiamati i protagonisti della riabilitazione a livello nazionale tra cui figurano medici oculisti, ortottisti, ottici e bio-ingegneri, neuropsichiatri infantili e psicologi. Si è parlato anche di cani guida così come di bastone elettronico, tra le ultime frontiere dell’innovazione nell'ambito dell'ipovisione che, grazie ad un sistema di sensori, consente di intercettare gli ostacoli attraverso segnali sonori o tattili. Uno strumento che anche a Parma si sta diffondendo grazie all’impegno dei Lions Club in collaborazione con l’Unione italiana ciechi.

Il corso ha il patrocinio di Federottica aderente ad Ascom e Unione provinciale ciechi e ipovedenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il Museo d’Arte Cinese di Parma protagonista alla Sapienza di Roma

  • Cronaca

    Prosciutto di Parma, 2020 anno nero: calano vendite ed export

  • social

    Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento