Crisi, nel 2013 a Parma chiuse 92 attività: 8 mesi neri per gli ambulanti

Nella nostra regione, tra iscrizioni e cessazioni, sono 1365 le attività che hanno chiuso i battenti. A Parma male anche tra gli ambulanti dove si segnala il peggior dato: -26 imprese su 691 complessive per un calo complessivo del 3,8%

E’ la crisi economica con la sua ricaduta sulle piccole e medie imprese della nostra regione che preoccupa la Giunta e la Presidenza regionale Confesercenti Emilia Romagna che si sono riunite stamattina in forma congiunta per discutere di numerosi argomenti. Gli ultimi dati forniti dall’Osservatorio Confesercenti relativi ai primi otto mesi del 2013 non confortano quei commercianti che speravano in una ripresa economica a breve termine. Nella nostra regione, tra iscrizioni e cessazioni, sono infatti 1365 le attività che hanno chiuso i battenti: 873 quelle di commercio al dettaglio, 400 le attività di alloggio e ristorazione, e 92 quelle ambulanti.

A Parma il trend regionale è sostanzialmente confermato, con un calo di 92 imprese (circa il 2,3% del totale) nel settore del commercio al dettaglio. Tra queste va meglio ai negozi di alimentare, che registrano la chiusura di soli 4 esercizi, il dato migliore a livello regionale dopo Rimini che non ha rilevato chiusure in questo settore. Consistente anche il calo tra le imprese di alloggio e somministrazione, con un saldo negativo di 55 unità: a fronte di sole 77 neonate ne sono state cancellate 132. Va male anche tra gli ambulanti dove Parma si segnala per il peggior dato, insieme a Modena e Bologna, regionale: -26 imprese su 691 complessive per un calo complessivo del 3,8%.

“L’unico dato stabile nel nostro Paese sembra essere quello relativo alle attività commerciali che continuano a chiudere – spiega il direttore di Confesercenti Emilia Romagna Stefano Bollettinari. Le iscrizioni alle Camere di Commercio nei primi otto mesi sono state 2701, le cessazioni 4066 per un totale di 1365 chiusure: un dato veramente inaccettabile per il tessuto imprenditoriale di una regione come la nostra la cui ricchezza è contraddistinta soprattutto dalle piccole e medie imprese; di fronte a questa drammatica situazione, servono soprattutto, a livello nazionale, azioni immediate di grande respiro commisurate alla situazione d’emergenza in cui ci troviamo. Anche se il trend delle cessazioni delle imprese del commercio al dettaglio sembra lievemente rallentare rispetto a inizio anno- continua Bollettinari – il risultato dei primi otto mesi del 2013 registra ancora dati particolarmente pesanti, cui si somma il preoccupante andamento anche del comparto ricettività, ristorazione e bar che, dopo parecchi anni in cui ha svolto un ruolo di ammortizzatore occupazionale comincia ad evidenziare un numero sempre più elevato di imprese che chiudono i battenti, con un turn-over così accentuato che brucia risorse e investimenti”.

“Per il presidente di Confesercenti E.R. Roberto Manzoni finché chi ci governa non si rende conto che la disattenzione alla situazione delle PMI non aiuta la ripresa economica, ma semmai la aggrava, con preoccupanti ricadute anche sul piano sociale, è difficile nutrire la speranza di vedere un’inversione di tendenza. Invece di studiare interventi strutturali per la riduzione del cuneo fiscale, per facilitare l’accesso al credito, per facilitare l’entrata nel mondo del lavoro, si aumenta l’Iva creando una pressione fiscale che non fa che depauperare ulteriormente il portafoglio dei consumatori. I dati forniti dall’Osservatorio sono anche il segno coloro che avrebbero voglia di rischiare mettendosi in proprio con un’attività, vengono continuamente scoraggiati. Il futuro così, diventa sempre più nero per la nostra economia e non si vedono all’orizzonte segnali apprezzabili di controtendenza.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento