Le corde dell'Africa

3MA è un trio che unisce spiritualmente il suono di tre strumenti a corda africani provenienti da tradizioni diverse. Ballakè Sissoko, dal Mali, è un grande maestro della kora, uno strumento costituito da una mezza zucca rivestita di pelle al cui centro si alza una manico circondato da ventuno corde; Driss El Maloumi, marocchino, è considerato uno dei massimi virtuosi dell'oud, il liuto arabo; Germain Randrianarisoa, in arte Rajery, è il campione della vahila, uno strumento a corda ricavato dalla canna di bambù e tipico del Madagascar. Insieme questi tre formidabili musicisti danno vita a un concerto unico in cui le rispettive tradizioni si incontrano e si fondono poeticamente in una sintesi insieme impossibile e naturale.
Il Festival di Torrechiara da sempre ama invitare il pubblico a essere curioso proponendo musiche poco note o addirittura inattese, ma destinate a stupire gli ascoltatori che accettano la sfida. Il concerto di 3MA si annuncia esattamente così: una sorpresa, una scoperta e anche, se ci è permessa l’annotazione, la rivelazione di quanto l’ancora tanto bistrattata Africa sia una terra ricca di tradizioni musicali che, diversamente da quanto spesso trasmette una visione superficiale, sono di estrema varietà e bellezza melodica, non solo ritmica – come prova l’intensità poetica degli intrecci sonori di questi tre eccezionali musicisti.
Ballakè Sissoko, kora
Driss El Maloumi, oud
Rajery, vahila

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Parma, la mostra di Ligabue inaugura il nuovo spazio espositivo di Palazzo Tarasconi

    • dal 19 settembre 2020 al 30 maggio 2021
    • Palazzo Tarasconi
  • 'Renato Brozzi e la scultura animalista italiana tra Otto e Novecento" al museo Renato Brozzi

    • dal 11 febbraio al 30 maggio 2021
    • Museo Renato Brozzi di Traversetolo
  • Ghost il musical: nuova data il 21 marzo 2021 al Teatro Regio

    • 21 maggio 2021
    • Teatro Regio
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ParmaToday è in caricamento