menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lenz Fondazione e Scanner ‘installano’ musica elettronica e visual art nel Complesso Monumentale della Pilotta

L’evento speciale, pensato per inaugurare lo Scalone Monumentale completamente ripulito e rinnovato, darà avvio a Il Grande Teatro del Mondo, progetto triennale di Maria Federica Maestri e Francesco Pititto

L’evento speciale, pensato per inaugurare lo Scalone Monumentale completamente ripulito e rinnovato, darà avvio a Il Grande Teatro del Mondo, progetto triennale di Maria Federica Maestri e Francesco Pititto realizzato di concerto con il nuovo direttore della Pilotta Simone Verde. Imperial Staircase segnerà inoltre l’apertura della sezione autunnale del Festival Natura Dèi Teatri.

«Evento speciale dedicato alla musica contemporanea sarà Imperial Staircase, una music e visual performance live che darà avvio a uno speciale progetto triennale di Lenz Fondazione per il Complesso della Pilotta»: Simone Verde, neo direttore generale del Complesso Monumentale della Pilotta introduce Imperial Staircase di Robin Rimbaud aka Scanner e Francesco Pititto, che sarà presentato sabato 18 novembre alle ore 19 a Parma inaugurando la sezione autunnale del Festival Natura Dèi Teatri.

Scanner, nome d’arte del musicista, scrittore, artista e critico inglese Robin Rimbaud, è considerato tra i compositori più importanti della scena elettronica mondiale. Ha collaborato con artisti di diverso genere: dai Radiohead a Bryan Ferry e Laurie Anderson, dalla Rambert Dance alla Random Dance Company, il Royal Ballet e Merce Cunningham, da musicisti come Michael Nyman e Luc Ferrari, a artisti come Steve McQueen, Mike Kelley, Derek Jarman, Carsten Nicolai e Douglas Gordon. Dal 1991 è impegnato in concerti dal vivo, composizioni, installazioni e colonne sonore: gli album Mass Observation (1994), Delivery (1997) e The Garden is Full of Metal (1998) sono stati definiti dalla critica come lavori fondamentali per la scena musicale elettronica contemporanea. Nel 1994 il lavoro Sound Surface, realizzato con Stephen Vitello, è stata la prima colonna sonora commissionata dalla prestigiosa Galleria Tate Modern di Londra. Ha esposto e creato lavori nei più prestigiosi spazi dell’arte contemporanea, tra i quali il SFMOMA negli Stati Uniti, l’Hayward Gallery di Londra, il Centro Pompidou di Parigi, la Tate Modern & Tate Britain di Londra, il Palais des Beaux-Arts di Lille, il Kunsthalle di Vienna, il Bolshoi Theatre di Mosca e la Royal Opera House di Londra. Il suo lavoro è stato presentato negli Stati Uniti, in Sudamerica, in Asia, in Australia e in Europa. Già ospite a Lenz Teatro nel 2007 per la rassegna As a Little Phoenix e protagonista dell’edizione 2007 del Festival Natura Dèi Teatri con la performance From the Head to the Hip, per l’edizione 2008 del Festival ha realizzato le musiche originali di Consegnaci, bambina, i tuoi occhi, creazione di Lenz da La Ballata di Cappuccetto Rosso di Federico García Lorca. Per l’edizione 2009 del Festival Natura Dèi Teatri ha creato la performance Landscape & Memory. Nel 2012 ha realizzato progetti musicali per le olimpiadi a Londra. Nel 2015 ha creato per Lenz Fondazione e Festival Verdi l’opera Verdi Re Lear. Conduce seminari nelle più prestigiose istituzioni internazionali di musica elettronica e contemporanea del mondo.

In merito a quella che definisce «imagoturgia per un concerto», suggerisce Francesco Pititto: «Il movimento veloce della soggettiva, i fuori fuoco, i carrelli ottici in avanti e indietro, la macchina a mano che velocizza e muta in progress il punto di vista, gli errori di grammatica cinematografica che liberano il pensiero e favoriscono la visione, “sparate” di luce sui dipinti, tutto partecipa al mosaico irregolare che muove immagini fluttuanti nello spazio monumentale, immaginando un tempo musicale che riempie e svuota il grande palazzo custode dell’arte, che produce tempi differenti, un tempo che non scorre lineare ma a vortice intorno e dentro l’opera, intorno e dentro il metallo bianco della struttura espositiva: laboratorio sperimentale. L’angolazione cambia velocemente, così come lo sguardo del visitatore, così come l’ecotecnia contemporanea esige, lo sviluppo tecnologico dello sguardo ridotto, deformato e amplificato da supporti meccanici e ottici in rapida evoluzione. Canova, Correggio, Parmigianino, Leonardo da Vinci, Josaphat Araldi, El Greco, Bellotto in troppo rapida
successione virtuale attenderanno pazienti e dal vivo, poi, nuovi sguardi e riflessioni nella forma che l’artista ha loro donato, nella parete o nello spazio che il curatore ha loro assegnato, proprio a qualche decina di metri. In alto scorrono le figure artefatte come lampi di luce mentre, sotto, il compositore crea la sua opera d’aria dalla balconata dello Scalone d’Onore seicentesco della Pilotta di Parma, salita che porta alla centrale del Sapere e del Potere, al grande Teatro Farnese, in un passato imminente che dilaga sul presente, con materia, forma e disordinate bellezza e incombenza».

Imperial Staircase aprirà un intenso programma artistico per i 400 anni del Teatro Farnese (1617- 2017), che si svilupperà per l’intero 2018. L’evento darà avvio a Il Grande Teatro del Mondo, progetto 2018/2020 di Lenz Fondazione per il Complesso Monumentale della Pilotta di Parma: «Una ricerca triennale a partire dalle opere di Calderón de la Barca» spiegano i Direttori Artistici di Lenz Fondazione. «Attraverso la riscrittura contemporanea di un dramma e due autos sacramentales del periodo barocco spagnolo cercheremo di restituire, in una visione unitaria e moderna del sapere, la complessità del maggior
monumento farnesiano di Parma». Il Grande Teatro del Mondo sarà così articolato: 2018, Il Grande Teatro del Mondo, auto sacramental; 2019, La vida es sueño, auto sacramental; 2020, La vita è sogno, dramma teologico-filosofico (progetto per Parma Capitale della Cultura 2020).

«Il Complesso Monumentale della Pilotta può rappresentare uno spazio comune che ospita i diversi tempi della storia collettiva e individuale, come polo inclusivo delle diverse anime della Polis» concludono Francesco Pititto e Maria Federica Maestri «Al progetto, realizzato in collaborazione con Ausl -  Dipartimento di salute mentale e dipendenze patologiche, potranno partecipare attivamente, attraverso laboratori pratici, studenti del liceo artistico Toschi e di altre scuole della città, del Conservatorio Arrigo Boito e dei diversi Cori, dell’Università (l’Ateneo di Parma è socio sostenitore in Lenz Fondazione), degli allievi del Distretto del Cinema in veste di documentaristi dell’intera esperienza. Ogni fase di allestimento si avvarrà di impianti tecnologici avanzati che ne
documenteranno il work in progress e, in particolare per il site-specific, verranno impiegate le più avanzate tecniche di rappresentazione video e del suono».
Imperial Staircase segnerà, inoltre, l’apertura della sezione autunnale della XXII edizione del Festival Natura Dèi Teatri diretto da Lenz Fondazione, che dal 18 al 30 novembre porterà a Parma un denso programma di teatro, danza, progetti site-specific in diversi luoghi della città, unitamente a prestigiose residenze artistiche internazionali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento