rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Green

Il progetto “Prati fioriti” del Comune, un passo importante per la tutela della biodiversità

Le associazioni ambientaliste: "Gli sfalci differenziati in alcuni parchi pubblici della città aiutano la biodiversità urbana e l'attività degli impollinatori"

"In questa primavera a Parma è possibile notare in alcuni parchi pubblici delle zone di prato in cui lo sfalcio è stato ridotto. Non si tratta di incuria o di scarsa professionalità degli addetti ai lavori, ma di una scelta precisa dell’Assessorato con la delega al Verde Pubblico. Il progetto si chiama “Prati fioriti” ed è attualmente in corso nei parchi Ducale, Ferrari, del Dono, della Musica, Falcone e Borsellino e in Cittadella". Comincia così la nota delle associazioni ambientaliste, che hanno confermano la disponibilità a supportare anche tecnicamente ogni iniziativa di valore ambientale.

"In queste aree di verde pubblico gli sfalci sono effettuati in modo differenziato. Significa che i tagli sono effettuati regolarmente nelle zone di maggior fruizione e passaggio, mentre in altre porzioni le fioriture spontanee sono mantenute e favorite. Si tratta di un approccio che segue le linee guide di gestione del verde urbano scaturite dalla legge 10/2013 che mirano a supportare e migliorare la biodiversità urbana e il benessere dei cittadini. La riduzione degli sfalci consente le fioriture, di conseguenza sostiene la presenza e la preziosa attività degli insetti impollinatori, contrasta le isole di calore e regala la bellezza della varietà e dei colori. Questo metodo permette inoltre sia di ridurre il costo delle attività di sfalcio, destinando i fondi risparmiati ad altri miglioramenti della gestione del verde urbano, sia di diminuire l’ impatto ambientale in termini di emissioni di CO2 e inquinamento da rumore con beneficio per la qualità dell’aria.

Si tratta di sperimentazioni ormai comuni nel Nord Europa che stanno prendendo piede anche in Italia, come ad esempio a Milano, Bergamo, Rimini e Ferrara. Associazioni ambientaliste e cittadini sostengono questa scelta che segue le indicazioni scientifiche e normative. Per evitare perplessità ed equivoci, si suggerisce quindi di completare l’iniziativa con cartelli esplicativi da cui si possa essere informati che lo sfalcio differenziato non è derivante da incuria, ma serve a migliorare la vita di piante, animali e soprattutto umani.

L’auspicio è che questa piccola, ma significativa scelta positiva dell’Amministrazione comunale prosegua con un’attenzione complessiva al corretto equilibrio di interesse pubblico e privato anche su temi più complessi e di forte impatto sul futuro della città".

ADA odv – AsOER – Consorzio forestale Kilometroverde Parma - Comitato Civico Torrente Parma – Coordinamento scolastico Parma Città della Natura – ENPA Parma – FIAB Parma – Fruttorti Parma – ISDE Parma Medici per l’Ambiente - Legambiente Parma – LIPU Parma – Manifattura Urbana – MercaTiAmo - Monnezzari Parma – Parma Etica – Parma Sostenibile – Società Parmense di Scienze Naturali - Sodales odv Parma - WWF Parma

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il progetto “Prati fioriti” del Comune, un passo importante per la tutela della biodiversità

ParmaToday è in caricamento