Torricella: la Bonifica Parmense pone in sicurezza strada Padana e il cavo Divisorio

Intervento complessivo da 100 mila euro realizzato in sinergia tra il Consorzio e il Comune di Sissa Trecasali per garantire una importante via d’accesso ad aziende agricole e attività produttive del territorio

Garantire l’adeguata percorribilità e la sicurezza di un’importante via d’accesso ad aziende agricole ed impianti industriali del territorio: con questo obiettivo il Consorzio della Bonifica Parmense ha portato a termine – in stretta sinergia con l’Amministrazione Comunale di Sissa Trecasali – un capillare intervento di sistemazione idrogeologica sulla Strada Padana e sul cavo Divisorio in località Torricella.

I lavori sono stati realizzati lungo l’arteria viaria che si estende per un chilometro dal bivio di strada di Torricella e strada Gramigna in direzione Est verso località Coltaro: un tratto in cui la strada si snoda parallelamente al cavo Divisorio diventando la via d’accesso ad aziende agricole e attività produttive.

L’importo complessivo dell’intervento è stato di 100 mila euro, equamente suddiviso tra i due enti: il Comune di Sissa Trecasali ha finanziato l’intervento lungo strada Padana, mentre i fondi per lavori relativi al Cavo Divisorio sono stati stanziati dal Consorzio della Bonifica Parmense.  

Strada_Padana-lavori-conclusi-2

Strada Padana era in condizioni non ottimali: il cedimento della struttura stradale ne aveva ridotto drasticamente le condizioni di sicurezza per il passaggio dei veicoli e dei mezzi d’opera che la percorrono per raggiugere gli opifici industriali e le aziende agricole limitrofe; il frequente passaggio dei mezzi pesanti ha causato movimenti franosi sulla sponda sinistra del cavo Divisorio – il canale di bonifica che si trova nei pressi di Strada Padana – impedendo il corretto deflusso delle acque.

I tecnici dell’ente hanno dunque inizialmente provveduto all’espurgo e alla risagomatura del canale e al consolidamento delle sponde con l’utilizzo di pali di castagno. In un secondo momento è stata realizzata una pista di servizio in terreno vegetale della larghezza di 3 metri per evitare l’avvicinamento dei mezzi pesanti al ciglio del canale e consentire il transito in sicurezza dei mezzi d’opera consortili impiegati nelle operazioni di manutenzione del cavo Divisorio.

La realizzazione di un nuovo cassonetto stradale in ghiaia – dallo spessore di 50 centimetri –incrementa la capacità portante della fondazione e restituisce una struttura solida, impedendo la formazione di avvallamenti. L’intervento si è concluso con il livellamento della carreggiata. 

“L’intervento, condiviso con il Comune di Sissa Trecasali – spiega il presidente del Consorzio della Bonifica Parmense Luigi Spinazzi – rappresenta un valido esempio di collaborazione tra Enti fornendo una duplice risposta alle criticità: la sistemazione idraulica del cavo Divisorio, realizzata dai tecnici del nostro Consorzio, riduce notevolmente il rischio di collasso delle sponde; e la messa in sicurezza della strada Padana garantisce, con l’allontanamento della carreggiata dal canale, una viabilità più sicura e sostenibile”.

“Sono molto soddisfatto del risultato ottenuto dall’intervento – sottolinea il sindaco di Sissa Trecasali Nicola Bernardi – . L’allontanamento della carreggiata dal canale e il rifacimento del fondo stradale consentono la messa in sicurezza di questa importante arteria viaria. Ringrazio il Consorzio della Bonifica Parmense e le ditte che hanno collaborato alla piena riuscita dei lavori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Covid, oggi si decide: Parma potrebbe tornare in zona gialla

Torna su
ParmaToday è in caricamento