Consiglio Comunale. Passa la delibera per la variazione di Bilancio, ma il Pd si astiene

Passa la delibera sulla variazione di bilancio 2013: il Pd e l'Udc si astengono, la Guarnieri vota contro e il Movimento 5 Stelle approva il provvedimento.

Ore 19.30 - Si passa all'ordine del giorno del consigliere Manno sul Polo socio Sanitario nel quartiere Lubiana San Lazzaro. Il consigliere ricorda che, al contrario delle polemiche riguardo al consumo del suolo, questa è un'opera necessaria e importante.
Interviene anche il consigliere Massimo Iotti: "Ho votato questa delibera anche con la precedente amministrazione perché penso che sia un'opera importante e strategica, soprattutto nel quartiere Lubiana San lazzaro che vede una carenza di questi servizi. Oggi bisogna fare tutto quello che serve per dotare il quartiere di questa struttura". Dall'Olio: "E' un'opera necessaria e si deve procedere alla sua realizzazione, ma se i principi sono quelli di consumo del suolo zero allora chiedo che in fase di progettazione, e questa deve diventare una prassi che va applicata sempre, si verifichi se ci sono aree da riqualificare o riqualificabili e se non ci sono che vengano messi in atto principi di compensazione. Inoltre chiedo una declassificazione delle aree destinate al Wcc, ripristinando l'uso agricolo. Con questo aggiungo un ordine del giorno insieme a quello di Manno". Maria Teresa Guarnieri: "Ho appreso che la struttura potrebbe essere di dimensioni più piccole di quelle previste inizialmente, penso che se dobbiamo intervenire in quell'area dobbiamo tenere conto dello sviluppo in modo che nei prossimi anni non ci siano nuovi interventi per ampliare una struttura che è troppo piccola".
L'assessore all'Urbanistica Alinovi: "Apprezzo l'intervento del consigliere Manno per l'onestà intellettuale che mette da parte la faziosità politica e appoggia la proposta della maggioranza. Aggiungo che il Polo socio sanitario sarà su due piani e non su uno come previsto dall'amministrazione Vignali, quindi incide su un'area più piccola e precisamente sulla metà di quella originaria. Invito poi, anche i consiglieri di maggioranza, a valutare attentamente la politica del consumo del suolo zero perché se in un'area verde, dopo aver valutato che non ci sono altre strutture da riqualificare, costruiamo un asilo facciamo un'opera che garantisce un servizio ai cittadini. Il Wcc invece è già un'area di compensazione ambientale".
Interviene il consigliere Elvio Ubaldi spiegando che voterà l'ordine del giorno di Manno ma non quello di Dall'Olio che è inamissibile. Vengono approvati entrambi gli ordini del giorno, all'unanimità quello di Manno con un astenuto quello di Dall'Olio.

Ore 18 - Si passa all'esame delle mozioni. La prima è quella del consigliere del Pd Alessandro Volta il quale presenta una proposta per migliorare la partecipazione nei quartieri. “L'obiettivo deve essere quello di coinvolgere continuativamente i cittadini in un processo di costruzione di un nuovo modo di concepire il rapporto tra quartieri e Comune di Parma”. Interviene Giuseppe Pellacini (UDC) che sottolinea come "mesi fa presentata era stata presentata una proposta di delibera sulla ricostituzione associativa dei quartieri che ad oggi è ancora bloccata”. Maria Teresa Guarnieri (Altra Politica) chiede al Pd "di ritirare la mozione visto che esiste una proposta di delibera presentata precedentemente dal consigliere Ettore Manno. È inutile presentare testi diversi, meglio armonizzare i diversi spunti e presentare un documento unitario. Elvio Ubaldi (Cività Parmigiana) concorda con la richiesta della consigliera.
Il Movimento 5 Stelle si dichiara interessato al contributo della minoranza sul tema, ma lamenta la scarsa partecipazione dei consiglieri di opposizione agli incontri tenutisi nell'arco di quest'anno con i diversi quartieri della città.
La mozione è respinta con 6 voti favorevoli e 13 contrari.

Ore 16.30 - Delibere. La prima delibera riguarda la variazione di bilancio di previsione 2013. L'assessore al Bilancio, Gino Capelli, spiega che sono stati fatti grossi passi in avanti verso il risanamento. Poi entra nello specifico e chiarisce che oltre ai 141 mila euro dalla Decathlon che aprirà il prossimo anno nell’area dell’ex kartdromo, a San Pancrazio, ci sono anche 6,5 milioni che derivano dalla vendita del diritto di proprietà degli alloggi del Parma Social House. Per quanto riguarda le spese ci sono 60 mila euro che il Comune dovrà pagare a un dipendente che ha fatto causa per demansionamento e 30 mila euro per l'istituzione dell' albo delle libere forme associative - di cui 20 mila per progetto partecipativo e 10 mila per l'istituzione dell' albo delle libere forme associative. Il Pd, con un intervento di Massimo Iotti, solleva dubbi riguardo ai 30 mila euro per l’istituzione dell’albo delle libere forme associative e invita ad intervenire sulla Scuola europea.  La delibera passa al voto e viene approvata con 21 voti favorevoli, 7 astenuti (Pd e Udc) e 1 contrario (Maria Teresa Guarnieri di Altra Politica).

Approvata anche la delibera sul regolamento della gestione dell'archivio storico con 22 voti favorevoli.

Ore 16.00 - Comunicazioni urgenti. Vescovi sulla necessità di manutenzione dell'Ospedale Vecchio: "Da gennaio 2011 l'Ospedale Vecchio è stato abbandonato e c'è un degrado crescente, chiedo per questo di intervenire immediatamente per fare lavori di manutenzione".

Comunicazione del consigliere Pellacini sull'area dei Camper: "La zona confinante del parcheggio scambiatore ovest della città è oggetto di soste abusive con camper e roulotte. Nello stesso parcheggio continuano ad essere abbandonati automezzi. Chiedo, dato che si avvicina la stagione estiva e l'arrivo di turisti, che si rispettino i divieti nell'area intorno al parcheggio".

Comunicazione urgente del consigliere Nicola Dall'Olio sulla riconferma di Bagnacani nel Cda Iren: "Non sono state seguite le norme stabilite nel regolamento sottoscritto a ottobre 2012 che prevedono la selezione pubblica. Salvato il soldato Bagnacani, resta il fatto che il sindaco si era impegnato a mantenere i livelli occupazionali, per questo chiediamo che venga mantenuto l'impegno affinché questo avvenga e a comunicarci le decisioni prese.
Sulle buche dato che c'è stato anche un incidente grave chiediamo, ora che i debiti sono stati pagati, di intervenire subito". Interviene Pizzarotti: "Per Bagnacani siamo andati in continuità, non l'abbiamo scelto in separata sede. Per le garanzie che ci potrebbero essere date sono deluso, tutto resta a livello verbale e cercherò chiarimenti anche riguardo alla sede amministraztiva di Parma". Sulle buche il sindaco minimizza: "C'è troppo allarmismo politico e giornalistico. Invito a guardare in alto e non per terra, quindi a problemi più importanti che quello delle buche su cui comunque stiamo intervenendo".

Ore 15.15 - Inizia il Consiglio Comunale. Prima interrogazione del consigliere del Pd Nicola Dall'Olio sullo sviluppo della mobilità elettrica: "E' stata avviata la procedura di esculsione dal progetto "Zero emission city" e la perdita di 600 mila euro di finanziamenti. Quali sono le ragioni che hanno portato a perdere i finanziamenti? Dove sono stati destinati i fondi ex metro a disposizione? Esistono delle possibilità di recuperare il progetto? Il Comune come intende promuovere la mobilità elettrica? Sulla solarizzazione dei parcheggi scambiatori cosa si sta facendo?". Riponde l'assessore all'Ambiente Gabriele Folli: "Non è vero che il Comune ha perso i fondi. Inoltre la nostra amministarzione ha affrontato l'argomento delle colonnine elettriche e con la Regione ha approvato un progetto che stabilisce la collaborazione di quattro soggetti, tra cui due aziende, per un progetto pilota che prevede una sperimentazione con l'installazione di 10 colonnine elettriche a costo zero. Stiamo lavorando per quanto riguarda l'installazione di pannelli solari nei parcheggi scambiatori".

Interrogazione del consigliere del Pd Nicola Dall'Olio sulle strutture di aggregazione giovanile: "Abbiamo già parlato della liquidazione di Enjoy e della necessità, per questioni di risorse, di rivedere le strutture di aggregazione giovanili. Chiediamo se nella ridistribuzione dei servizi si perdono alcuni dei servizi educativi e se ci sono state segnalazioni da parte delle cooperative per la perdita di ore di lavoro. Inoltre chiediamo come metterà in atto il Comune la sua funzione di controllo. Dal 30 giugno ci sarà un contratto di subentro con Prospettive, ci sono tutte le garanzie?". Risponde l'assessore Giovanni Marani: "In questo momento è in essere la stessa programmazione dello scorso anno. Ci sono stati cambi sul soggetto gestore, ma il Comune vuole mantenere continuità e da parte di Prospettive c'è la volontà di capire come meglio strutturare la sua presenza nei centri giovanili. Abbiamo ricevuto segnalazione da parte della scuola di via Milano che auspica al mantenimento delle stesse figure profesisonali per un rapporto di continuità, abbiamo inviato la stessa lettera a Prospettive per far sì che si prenda in considerazione questo aspetto. In ogni caso si terrà monitorata la situazione".

Interrogazione del consigliere del Pd Maurizio Vescovi sullo stato dell'edificio ex Timo, in viale Mentana di fronte a borgo del Naviglio: "Parliamo dei resti dell'edificio ex Timo. In questo caso sicurezza e decoro sono fortemente a rischio, chiedo quindi di disporre gli accertamenti del caso". Risponde l'assessore Michele Alinovi: "Il regolamento edilizio comunale parla di decoro e sicurezza, ma qui parliamo della recinzione di un cantiere del Duc b che al momento è fermo, e non del fronte di un edificio. L'amministrazione ha pagato i debiti pregressi e ora cercherà di portare a termine il cantiere, ma non c'è una condizione di pericolo".

Interrogazione del consigliere del Pd Massimo Iotti sui centri commerciali medio e medio grandi: "Chiediamo quali sono i limiti dimensionali per i centri medio e medio grandi. Quanti altri centri commerciali verranno insediati? La Giunta prevede nuove autorizzazioni?". Risponde Alinovi: "Per i centri medio piccoli la superficie di vendita arriva fino ai 1500 metri, fino ai 2500 per quelli medi, superiori a 2500 metri per quelli grandi. Al momento le strutture medio piccole sono 6, quelle medio grandi 5 e quelle grandi 6. Le autorizzazioni sospese: una per un struttura medio piccola e due per strutture grandi. Sia per i centri medio grandi che per quelli grandi non ci sono autorizzazioni. Nell'ultimo anno non ci sono state delibere su questo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento