rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
NUOVO RUOLO

In attesa del mercato, Pecchia insiste con Bernabé nei tre davanti

Il tecnico del Parma non vuole rinunciare ai muscoli di Juric ed Estevez, ma neanche al fosforo di Adrian che anche lì può far valere il suo tasso tecnico

Tra il bisogno di dover fare di necessità virtù e l'attesa di avere qualche rinforzo sul mercato, nella testa di Pecchia prende corpo l'idea di adattare sull'esterno, tra i trequartisti, un calciatore come Adrian Bernabé. Lo spagnolo per l'allenatore incarna il prototipo di calciatore jolly, capace di ricoprire più ruoli nel reparto di mezzo. In questo precampionato, complice anche la sua assenza per una botta alla caviglia rimediata in ritiro il val di Pejo e l'arrivo di Estevez, Pecchia ha varato il centrocampo a due con mediani tutto cuore, corsa e sacrificio, prendendo in prestito dall'argentino gli inserimenti e la lettura e 'liberando' l'estro di Bernabé che nel frattempo si è reso utile sull'esterno. Con Stanko Juric che sembra un altro rispetto a qualche mese fa a supervisionare il lavoro. Un esterno atipico, Bernabé, capace di interpretare il ruolo in maniera moderna: non uno che deve andare in fondo, superare l'uomo e crossare. La superiorità numerica in questo caso si creerebbe dentro al campo, con un uomo in più pronto a lavorare il pallone. Senza calpestare la linea laterale ma venendo in mezzo a giocare con gli altri, sistemandosi tra le linee e liberando Franco Vazquez più sciolto da vincoli tattici e più pronto per dettare l'ultimo passaggio o provare la giocata negli ultimi 16 metri.

"Bernabè? Non credo sia fuori ruolo, lui ha giocato quasi sempre lì - ha detto Pecchia nella conferenza post Lecce quando lo spagnolo è stato schierato a destra tra i trequartisti -. Bernabè esterno è una possibilità che può essere riproposta". E in questa settimana, in attesa di avere il miglior Man che sta recuperando da un infortunio e magari anche una pedina chiesta per esprimere al meglio il suo calcio, Pecchia prova a ragionare su quella che potrebbe essere ora una situazione temporanea che garantirebbe più equilibrio nelle due fasi, più tecnica e più palleggio.  E un domani una mossa in grado di far svoltare il Parma. Avvicinandolo alla porta, Pecchia perderebbe un riferimento nella prima impostazione ma guadagnerebbe dentro al gioco un altro regista offensivo, ritroverebbe un giocatore in grado di consolidare il possesso danzando tra le linee avversarie, mentre intorno a lui i compagni (il terzino destro, soprattutto) si muovono e si inseriscono negli spazi creati attraverso gli scambi ravvicinati con Franco Vazquez e la punta che deve venire a giocare dentro. Oltre alle sventagliate ad allargare il gioco, le imbucate verticali che piacciono tanto a Pecchia, Bernabé potrebbe prendersi quello spazio libero tra terzino e difensore centrale avversario e attaccare la profondità alle spalle di tutti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In attesa del mercato, Pecchia insiste con Bernabé nei tre davanti

ParmaToday è in caricamento