Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Coronavirus, le parole choc di un'ostetrica: "Ho chiesto ad alcuni ragazzi di non assembrarsi e mi hanno insultata"

 

La storia di Eleonora è stata pubblicata dal Comune di Fidenza e dal sindaco Massari. 

Mi chiamo Eleonora. Sono un’ostetrica dell’ospedale di Vaio. Il mio compagno è infermiere e da qualche settimana, causa emergenza virus, lavora nel reparto di rianimazione. Siamo una piccola parte di quel mondo di donne e uomini che da settimane combattono in prima linea negli ospedali contro il Covid-19. Che tornano a casa dopo turni massacranti, dopo aver cercato in noi energie e coraggio come mai prima d’ora.  Oggi sono uscita dal turno stanca e preoccupata, succede spesso ultimamente, e ho pensato di scaricare i nervi con una corsa. In una strada poco frequentata. 

Correndo ho incontrato ragazze e ragazzi radunati in gruppi, vicini gli uni agli altri. Una scena normalissima solo qualche settimana fa. Ma oggi quella non è normalità, oggi quella normalità è pericolo. Così mi sono fermata e ho sentito il bisogno di spiegargli che quello che stavano facendo era pericoloso, per loro e per le loro famiglie. Ve l’ho detto: ero stanca e preoccupata e ho davvero parlato loro come una persona di famiglia. Spiegando  che lavoro in ospedale e che so di cosa parlo. Il risultato è che i più mi hanno ignorata, altri mi hanno lanciato lattine e offesa. “Cosa vuoi? Cosa ci fai qui se devi stare in ospedale?” Io non ho avuto la forza di reagire ancora e me ne sono andata, ma a quei ragazzi rispondo qui ora, come posso, con questo video. Perché in questi giorni di emergenza ho il dovere come ostetrica e come persona di non lasciare niente di intentato contro questo virus.

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
ParmaToday è in caricamento