Tep, la Uil denuncia: "Autista aggredito da un gruppo di giovani"

Aggressione ad autista della Tep. E' la denuncia della Uil Trasporti che, in una nota, spiega i fatti che sarebbero accaduti martedì 21 maggio: "Questo ennesimo fatto attesta una situazione divenuta insostenibile"

Aggressione ad autista della Tep. E' la denuncia della Uil Trasporti che, in una nota, spiega i fatti che sarebbero accaduti martedì 21 maggio: alcuni giovani avrebbero prima insultato verbalmente l'autista e poi lo avrebbero aggredito fisicamente. Il motivo? Non aver fatto salire uno dei giovani fuori da una fermata. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ancora una volta -si legge nella nota di Uil Trasporti- occorre denunciare l’ennesimo atto di violenza occorso nella giornata del 21 maggio ai danni di un autista della locale azienda di trasporto pubblico della città di Parma.  Dalle prime informazioni in merito all’accaduto gli aggressori risultano essere individui di giovane età, poco devoti al rispetto del prossimo e con una marcata propensione a tenere comportamenti violenti che in un primo tempo, hanno dato inizio ad una serie di pesantissime molestie verbali ad indirizzo del lavoratore, sfociate alle vie di fatto con una vera e propria aggressione fisica ai danni dell’autista, il quale, in quel momento, era giunto a terra per la fine del turno di lavoro, il tutto nella più totale indifferenza di quanti assistevano al fatto. Incredibile pensare che la causa scatenate dell’accaduto possa ricondursi al rispetto del regolamento di servizio da parte dell’autista, che correttamente ha ignorato la richiesta di salita fuori fermata di una persona che si trovava in strada.

Questo ennesimo fatto attesta una situazione divenuta insostenibile per chi esercita la professione di autista, e in modo analogo a chi svolge funzioni di verifica dei titoli di viaggio a bordo di un mezzo pubblico. A fronte di quanto accaduto, per l’ennesima volta, urge trovare soluzioni con l’intento di controllare un grave fenomeno che, purtroppo, pare stia dilagando anche nella nostra città con episodi di  violenza a bordo dei mezzi pubblici. A fronte di ciò, nei prossimi giorni, occorre avviare un confronto tra tutte le organizzazioni sindacali, al fine di programmare un incontro presso la prefettura cittadina unitamente a tutti gli organi e le istituzioni preposte, che verranno inoltre ragguagliate sulle incivili condizioni comportamentali a bordo dei mezzi pubblici tenute da talune “bande” studentesche assolutamente fuori controllo ai danni di utenti e operatori del trasporto pubblico di linea.  Segreteria e direttivo della Uiltrasporti di Parma esprimono solidarietà al lavoratore colpito auspicando che le forze dell’ordine giungano rapidamente all’ identificazione dei responsabili". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento