Aimeri, dipendenti non pagati in sciopero. E chiedono i sussidi

E' drammatica la situazione di alcuni lavoratori dell'azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti. Alcune amministrazioni comunali non hanno saldato le fatture

Raccolta dei rifiuti e criminalità organizzata. Aziende che non pagano e dipendenti in stato di povertà costretti a ricorrere agli aiuti della Caritas. La Aimeri Ambiente, una ditta milanese che ha un cantiere anche a Parma, all'inizio di gennaio 2013 è stata al centro di un inchiesta della Dda di Catania per presunti legami con esponenti mafiosi del clan Cintorino. In quel contesto alcuni dipendenti della Aimeri di Catania sono stati arrestati.

Ieri al cantiere della Aimeri Ambiente di Parma i lavoratori hanno incrociato le braccia. "La FP CGIL di Parma -si legge in una nota- denuncia la pesante situazione dei lavoratori dell’azienda Aimeri, impresa che opera nel settore del igiene urbana, che da due mesi non ricevono lo stipendio. La drammatica condizione reddituale di questi lavoratori ha portato alcuni di loro a dover ricorrere ai sussidi umanitari della Caritas per provvedere al sostentamento delle loro famiglie. Si tratta di lavoratori che per molti versi risultano invisibili, sono coloro che tutti i giorni passano a raccogliere i nostri rifiuti, che siano plastica, carta, secco o altro. Lavoratori che operano in tutte le condizioni climatiche, il cui contributo è indispensabile per tutte le società moderne per garantire la sicurezza sanitaria oltre che il decoro delle città.

La raccolta dei rifiuti costa parecchio alle tasche dei cittadini, che pagano pesanti tasse di smaltimento. La crisi di questa azienda, presente sul territorio nazionale, è esplosa dopo che diverse Amministrazioni comunali non hanno potuto saldare per alcuni mesi le fatture per il lavoro regolarmente svolto. Ciò si è ripercosso paradossalmente anche in territori, come la regione Emilia-Romagna, in cui le spettanze sono state regolarmente versate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo ha portato oggi ad uno sciopero unitario di tutti i cantieri presenti sul territorio regionale, sciopero che ha coinvolto anche i lavoratori di Parma. Il rischio è che in questa situazione si perdano posti di lavoro per colpa di una burocrazia che vede l’azienda committente, IREN, molto più attenta ai passaggi formali che a garantire l’occupazione e il salario a questi lavoratori che operano appunto per conto della multiutilty. Salvare l’occupazione nelle attività pubbliche e garantire salari che derivano da denaro pubblico è un obbligo e un dovere delle Amministrazioni. Per questo motivo i lavoratori di Aimeri si rivolgono oggi sia alla regione Emilia-Romagna che alle Amministrazioni provinciali interessate per vedere riconosciuti questi diritti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento