rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca

Doveva scontare un anno e 4 mesi di carcere ma era in giro in via Brenta: arrestato 47enne marocchino

Controlli dei carabinieri: conducenti sorpresi a guidare ubriachi, alcuni giovani segnalati come consumatori di droga

Nella giornata di ieri, la Compagnia Carabinieri di Parma ha svolto un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato al contrasto alla microcriminalità in genere e alla prevenzione dei reati connessi alla guida in stato di ebrezza oltre che all’uso di sostanze stupefacenti. Nel corso del servizio è stata arrestata una persona, denunciate due per vari reati ed elevate diverse segnalazioni per uso di sostanze stupefacenti e guido in stato d’ebbrezza. L’arrestato è un 47enne marocchino con diversi precedenti di polizia e in Italia senza fissa dimora.

La pattuglia della Stazione di Monticelli Terme, impegnata di rinforzo nel servizio, ha fermato l’uomo in Via Brenta per un controllo documenti. Dall’esito della verifica in banca dati è emerso un ordine di carcerazione per fatti avvenuti in provincia di Reggio Emilia nel 2019. Lo stesso, dovendo scontare una condanna ad 1 anno e 4 mesi di reclusione al termine delle formalità di rito è stato associato alla casa circondariale di Parma.

Quattro le persone controllate e sanzionate amministrativamente per guida in stato d’ebrezza alcolica mentre un 46enne è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria perchè sorpreso alla guida con un valore alcolemico pari a 1,40 G/L. L’altra persona denunciata è un 24enne colombiano identificato a Parco Naviglio che non ha ottemperato al divieto di dimora a Parma. Qualche giovane, è stato trovato in possesso di piccole dosi di sostanza stupefacente e segnalato alla Prefettura. Durante il servizio sono stati eseguiti accertamenti complessivi su 74 veicoli e 185 persone, molte delle quali controllate a piedi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doveva scontare un anno e 4 mesi di carcere ma era in giro in via Brenta: arrestato 47enne marocchino

ParmaToday è in caricamento