menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Blackout, Pizzarotti: "Gravi lacune nella sicurezza, quella centrale va presidiata"

Il sindaco: "Basta poco per accedere alla centrale di Vigheffio e lasciare al buio un'intera città, e - come è stato scritto - "disattivare sistemi di sicurezza, isolare decine di migliaia di persone, bloccare cancelli automatici, ascensori, sistemi di comunicazione"

Il sindaco Pizzarotti sulla centrale di Vigheffio: “Quella centrale va presidiata, Terna deve agire subito per garantire la sicurezza dell'impianto e il funzionamento dei servizi”. Ciò che è successo ieri sera è motivo di riflessione e di sconcerto. A quanto si apprende dalle scarne notizie di cronaca  un diciannovenne di Parma sta lottando fra la vita e la morte nel reparto di rianimazione del Maggiore. Innanzitutto speriamo che le sue condizioni di salute migliorino e che possa presto riprendersi. Detto questo, le indagini chiariranno perché quel giovane si trovasse all'interno di una importante centrale elettrica e in che modo abbia potuto venire in contatto diretto con le apparecchiature, al punto di causare  un black out elettrico per l'intera città di Parma. Evidentemente ci sono gravi lacune nel sistema di sicurezza. Su questo occorre riflettere e agire tempestivamente

Ha ragione chi ritiene che il vero, inquietante, problema è che questo fatto ha messo a nudo le lacune di sicurezza in cui viviamo: basta poco per accedere alla centrale di Vigheffio e lasciare al buio un'intera città, e – come è stato scritto - “disattivare sistemi di sicurezza, isolare decine di migliaia di persone, bloccare cancelli automatici, ascensori, sistemi di comunicazione”. Un'azione di sorveglianza assidua e adeguata e sistemi di allarme funzionanti sono il minimo che si può chiedere al gestore “Terna”.

Ora che il problema si è manifestato evidenziando tutta la fragilità del sistema, abbiamo diritto di pretendere che venga fatto il necessario e il possibile per tutelare la nostra popolazione e garantire il corretto funzionamento dei servizi per i quali i cittadini pagano profumatamente, e soprattutto abbiamo il dovere di chiedere che sia garantita la sicurezza con adeguati provvedimenti non più dilazionabili. Intanto si cominci con il presidio permanente e con l'installazione di un adeguato sistema di allarme alla centrale di Vigheffio"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 176 casi e un decesso

  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento