rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Cronaca

Caporalato e minacce per la raccolta di agrumi: 30enne arrestato in stazione

Su di lui pendeva un'Ordinanza di custodia cautelare in carcere: minacciava i lavoratori nei territori della provincia di Reggio Calabria

Reclutava lavoratori stranieri per la raccolta di agrumi nei territori della provincia di Reggio Calabria, li minacciava e metteva in atto il sistema del caporalato per offrire manidopera a costo molto basso per gli imprenditori locali. Un 30enne della Guinea, sul quale pendeva un'Ordinanza di custodia cautelare in carcere, disposta dal Tribunale di Palmi, è stato fermato e controllato in stazione a Parma. I poliziotti lo hanno arrestato ieri pomeriggio verso le ore 19. L'uomo, K.F. aveva creato una rete di manodopera a basso costo da fornire agli imprenditori: il reclutamento e le successive fasi lavorative avvenivano sotto minacce da parte del 30enne, in concorso con altre persone. 



 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caporalato e minacce per la raccolta di agrumi: 30enne arrestato in stazione

ParmaToday è in caricamento