Codice di comportamento, Cgil: "E' in contrasto con lo Statuto dei Lavoratori"

Fa discutere ancora il codice comportamentale varato dal Comune di Parma per i suoi dipendenti. La Cgil, che già aveva espresso la propria contrarietà rispetto a una parte del regolamento, oggi chiede di più contro le regole "nate dalle norme contro la corruzione e diventate un bavaglio contro i dipendenti del Comune"

Sauro Salati, segretario Fp Cgil

Fa discutere ancora il codice comportamentale varato dal Comune di Parma per i suoi dipendenti. La Cgil, che già aveva espresso la propria contrarietà rispetto a una parte del regolamento, oggi chiede di più contro le regole "nate dalle norme contro la corruzione e diventate un bavaglio contro i dipendenti del Comune".

“O il codice viene cambiato nelle parte più lesive delle libertà personali - dichiara il Segretario della FP CGIL di Parma Sauro Salati - oppure, ai primi provvedimenti disciplinari ci attiveremo in tutte le sedi comprese quelle legali per tutelare i dipendenti del Comune”. "Infatti - si legge nella nota della FP Cgil - il Codice Comportamentale prevede restrizioni alla libertà di parola che definiscono che il personale si debba astenere dall'esprimere, anche nell’ambito dei social network, giudizi sull'operato dell'Ente derivanti da informazioni assunte nell'esercizio delle proprie funzioni.

La disposizione così formulata dal Comune di Parma in maniera generica presenta dubbi di legittimità rispetto agli art. 21 e 54 della Costituzione, l'art.2015 c.c. e gli art. 1 e 8 dello Statuto dei Lavoratori. In particolare i limiti riguardano il rapporto tra il doveroso segreto d'ufficio mai messo in discussione e le generiche informazione apprese sul lavoro che non possono essere divulgate, indipendentemente dal tipo di notizia di cui si tratta, ed il diritto dall'altro alle libertà di manifestazione di pensiero e di critica del lavoratore subordinato rispetto al datore di lavoro.

Il Codice di Comportamento varato dal Comune di Parma è un pasticcio in quanto nella sua genericità non specifica quali siano i comportamenti da vietare e comunque lascia ampio margine valutativo all'Amministrazione. Pertanto si chiede all'Amministrazione del Comune di Parma, che vanta modalità trasparenti e partecipative, di modificare quegli articoli che potrebbero creare problemi come l'art. 7 e 10, evitando di imporre un bavaglio generalizzato a tutti i dipendenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento