Differenziata in centro, Legambiente: "Tutti i capoluoghi seguano questa strada"

Legambiente si dichiara soddisfatta per la strada imboccata dal comune di Parma, che "dimostra come l'attivazione della raccolta domiciliare in comuni di grandi dimensioni, non sia una mera presa di posizione ideologica"

A partire dal 30 settembre, il sistema di raccolta porta a porta avviato a Parma, vedrà l’estensione anche alla zona del centro storico, servendo 5.139 nuove utenze. L’obiettivo è quello di coprire tutto il territorio comunale con questa tipologia di raccolta entro la Primavera del 2014.

Legambiente si dichiara soddisfatta per la strada imboccata dal comune di Parma, che "dimostra -si legge in una nota- come l’attivazione della raccolta domiciliare in comuni di grandi dimensioni, non sia una mera presa di posizione ideologica dei “soliti ambientalisti”, ma una indispensabile strada da percorrere per raggiungere gli obiettivi fissati dall’unione europea in merito alla riduzione rifiuti ed alla raccolta differenziata".

"I dati comunicati dal Comune di Parma -prosegue Legambiente- parlano chiaro: aumento del 4% di raccolta differenziata rispetto all’anno precedente, con una contestuale riduzione della produzione pro-capite di rifiuti. Aumento della raccolta differenziata e riduzione della produzione di rifiuti, non vuol dire solo una maggiore performance ambientale, ma anche una valorizzazione economica del “rifiuto” di maggiore qualità, che consente maggiori introiti per la casse comunali trasformandosi in materia prima seconda valorizzabile economicamente tramite il contributo CONAI.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’associazione chiede ora che tutti i capoluoghi dell’Emilia Romagna intraprendano la strada virtuosa seguita dal Comune di Parma, strutturando dei piani per l’avvio della raccolta domiciliare sui rispettivi territori comunali, che contribuiscano alla diminuzione dello smaltimento in discarica e dell’incenerimento di materia prima preziosa, quale sono i rifiuti. Un auspicio che diventa più urgente per i Comuni di Bologna, maglia nera della raccolta differenziata e Modena, alla luce del recente dibattito sullo smaltimento dei rifiuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Parma, ipotesi Longo come nuovo Ceo

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento