rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca

"Colla aveva deciso che Elisa non sarebbe uscita viva dalla casa"

Le motivazioni della sentenza del giudice Mattia Fiorentini: Con gli amici aveva detto 'A mali estremi, estremi rimedi', poi le parole cercate sul Web 'delitto passionale', 'omicidio volontario'

Luigi Colla avrebbe premeditato il femminicidio della sua ex compagna Elisa Pavarani, avvenuto il 10 settembre del 2016, durante un incontro tra i due nell'appartamento dell'uomo in Largo Carli: la donna è stata ammazzata con almeno nove coltellate, due alle spalle e le altre al torace e all'addome. Sono state depositate le motivazioni della sentenza che ha condannato l'ex fidanzato a 30 anni di carcere in primo grado. Il Giudice Mattia Fiorentini spiega, nel documento uscito dopo la sentenza dello scorso novembre, come l'uomo avebbe premeditato il delitto: "Colla aveva già deciso che Elisa non sarebbe uscita viva da casa sua". Oltre alle parole che Luigi Colla avrebbe pronunciato ad alcuni amici nei giorni immediatamente precedenti all'omcidio "A mali estremi, estremi rimedi" ci sono anche le ricerche su internet di parole come 'omicidio volontario', 'infermità di mente', 'delitto passionale' 'delitto d'onore'. Secondo la difesa Luigi Colla avrebbe fatto delle ricerche sul Web per un collega di lavoro alle prese con un problema giudiziario ma il giudice non è convinto: "Colla ha maturato il proposito omicida, lo ha mantenuto nei giorni immediatamente precedenti al delitto e lo ha realizzato poche ore dopo il suo ultimo accesso al Web, una volta ingerito un cocktail di sostanze - alcol. lexotan e marijuana, appositamente assunte per vincere i freni inibitori". Per Elisa Pavarani quindi la casa di largo Carli era una trappola mortale: secondo la ricostruzione del giudice Colla aveva già pensato di agire in quel modo nel caso in cui lei avesse rifiutato di accettare di riavviare la loro relazione, dopo che aveva deciso di interromperla. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Colla aveva deciso che Elisa non sarebbe uscita viva dalla casa"

ParmaToday è in caricamento