Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca Centro / Piazza Giuseppe Garibaldi

Animalisti contro il Festival del Prosciutto: "Tortura non è cultura"

Gli attivisti sono rimasti a distanza dell'area della festa sotto i Portici del Grano, sorvegliati da un ingente schieramento di forze dell'ordine: cartelli, striscioni, immagini ed interventi per sensibilizzare i cittadini

Gli animalisti in piazza contro il Festival del Prosciutto. E' iniziata questa mattina e proseguirà nel pomeriggio dalle 17 alle 21 la protesta dei gruppi animalisti di Parma e di Modena contro una delle manifestazioni culinarie più note della città di Parma e della provincia. Sorvegliati da un ingente spiegamento di forze dell'ordine, polizia, carabinieri e uomini della Digos gli attivisti hanno srotolato uno striscione con scritto 'Tortura non è cultura' e si sono mantenuti a distanza dai portici del Grano, sotto i quali sono stati allestiti i numerosi stand del Festival del Prosciutto.

LA VOCE DI UN ATTIVISTA

Alcuni poliziotti a piedi vigilavano all'ingresso raccomandando ai ragazzi di non avvicinarsi troppo all'area della festa. Con cartelli, immagini e volantini gli attivisti cercano di sensibilizzare contro il consumo di carne e a favore della scelta Vegan, che esclude animali e derivati animali (latte, uova, miele). Con le maschere da maiale sul viso ed interventi al megafono i giovani hanno inscenato una protesta pacifica e comunicativa che si ripeterà nel pomeriggio con la proiezione del video sugli allevamenti prodotto dall'associazione Nemesi Animale.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Animalisti contro il Festival del Prosciutto: "Tortura non è cultura"

ParmaToday è in caricamento