menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Legalità, bullismo e cyberbullismo: La Polizia di Stato incontra i giovani alunni delle seconde Medie dell’Istituto Puccini.

Il personale della Questura di Parma, ha fornito gli elementi principali per far sì che i giovani adolescenti, definiti da molti come “nativi digitali”, meglio comprendano i rischi e le conseguenze collegate all’uso distorto dei nuovi media digitali

Continuano gli incontri in materia di educazione alla legalità promossi dalla Polizia di Stato. Il Commissario Capo Federico Mastorci e l’Assistente Capo Diego Margari, dopo la Scuola elementare Bottego, giovedì 15 marzo hanno incontrato i giovani ragazzi delle classi seconde medie dell’Istituto Puccini. Il personale della Questura di Parma, ha fornito gli elementi principali per far sì che i giovani adolescenti, definiti da molti come “nativi digitali”, meglio comprendano i rischi e le conseguenze collegate all’uso distorto dei nuovi media digitali e alla rete, troppo spesso sconosciute.

Il tutto non prima di aver dato alcuni input sul ruolo della Scuola, in quanto Istituzione del nostro paese e alla funzione degli insegnanti, quali riferimento per eventuali episodi spiacevoli connessi e non all’uso delle nuove tecnologie. Alle classi incontrate è stato proiettato un filmato, che ha permesso di riflettere sulle conseguenze negative di cui si può essere vittima a seguito dello scorretto uso dei social media e dei social network. In primo luogo si è affrontata la tematica della riservatezza dei dati e della semplicità con cui questi possono essere carpiti da terzi malintenzionati e, pertanto, della necessità di dover, non solo conoscere le regole sulla privacy del social su cui sto navigando, ma anche di riflettere seriamente sulle conseguenze della condivisione di dati sensibili. Si è parlato inoltre dell’anonimato, e del fatto che le forze dell’ordine possono risalire all’autore di una condotta criminosa, anche se commessa attraverso un mezzo telematico, ancorché si possa aver usato un nickname falso o false immagini. Sono state approfondite anche le conseguenze delle proprie condotte sotto il profilo  legale, che possono arrivare ad integrare dei reati, quali la diffamazione, l’accesso abusivo, l’illecito trattamento di dati personali, l’istigazione al suicidio e la sostituzione di persona. È stato ricordato, inoltre, che si può essere vittime di diversi episodi penalmente punibili, quali l’adescamento di minori, la pornografia minorile, ecc.; tutti reati perpetrati attraverso la rete, con l’uso di smartphone e pc e rispetto ai quali le nostre difese possono essere più deboli mentre quelle del criminali molto più forti. Riscontrando da parte dei ragazzi una grande partecipazione ed un notevole interesse sul tema, gli esperti della Polizia di Stato hanno messo in guardia i giovanissimi anche sui giochi online: scegliere sempre il “clan” di compagni e amici che si conoscono per non incorrere nella “trappola” di malintenzionati. Il personale della Polizia di Stato proseguirà nell’iniziativa in altre Scuole della Provincia di Parma.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Attualità

Vaccino Moderna: Sda consegna oggi altre 21.600 dosi

Ultime di Oggi
  • Attualità

    "Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

  • Cronaca

    Covid: novanta nuovi casi e un decesso

  • Cronaca

    Covid: superate le 141 mila vaccinazioni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento