Ruba 6 mila euro di cosmetici dalla sua azienda: magazziniere 28enne in manette

I carabinieri lo hanno fermato per un controllo stradale a Mezzani: in auto aveva alcuni prodotti. In casa sua, oltre a tutta la merce rubata da marzo, anche una lista con i profumi da rubare nei prossimi giorni

Aveva scritto persino una lista dei prodotti che gli servivano e che aveva programmato di rubare nelle prossime settimane. Un magazziniere di 28 anni, che vive a Sorbolo, è stato arrestato dai carabinieri poichè accusato di aver rubato, nel corso del tempo, ben 6 mila euro di prodotti cosmetici e profumi dall'azienda per la quale lavorava. I militari sono riusciti a ricostruire la vicenda a partire da un controllo stradale: nei giorni scorsi infatti il 28enne, alla guida della sua Audi A3, è stato fermato ad un posto di blocco a Mezzani. Da subito ha mostrato nervosismo: i militari hanno quindi deciso di perquisirgli l'auto, trovando profumi e cosmetici. Circa un mese prima era stato denunciato un furto da parte del titolare di una ditta di Mezzani, che si occupa proprio della produzione di cosmetici. Il conducente si è giustificato dicendo che quei prodotti gli erano stati regalati dall'azienda. Durante le perquisizione nella sua abitazione i militari hanno trovato altri prodotti per un totale di 6 mila euro. Arrestato per furto l'uomo è stato condannato in direttissima a un anno e sei mesi di carcere. In casa sua i militari hanno anche trovato una lunga lista coni prodotti da rubare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Tragico scontro frontale tra auto e furgone a Parola: muore un 37enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Tra mercatini di Natale, teatri, concerti e vin brulè: ricchissimo week end di dicembre

  • Blitz in casa di un commerciante 46enne: in cantina 23 chili di hashish nascosti tra le bottiglie di vino

Torna su
ParmaToday è in caricamento