Giovane morto all'ospedale di Vaio: indagati sei medici

Sotto inchiesta per omicidio colposo cinque medici e uno specializzando: l'8 novembre verrà effettuata l'autopsia

Sei medici, cinque chirurghi e uno specializzando dell'Ospedale Di Vaio sono finiti nel registro degli indagati per la morte del 33enne Alessandro Petrillo, a due mesi da un intervento chirurgico effettuato per la presenza di un'ulcera grave. Un'operazione che ha avuto complicanze, per le quali sono stati necessari altri interventi, nei due mesi successivi. L'autopsia verrà effettuata nella giornata di domani, giovedì 9 novembre, dal medico legale Lorenzo Martinelli: il Pm Fabrizio Pensa, titolare delle indagini, ha infatti affidato a lui l'incarico. Dai risultati si potranno stabilire eventuali responsabilità in merito agli interventi effettuati: alcuni medici potrebbero aver avuto un ruolo meno centrale rispetto ad altri. Con la consegna degli avvisi di garanzia gli indagati hanno la possibilità di nominare dei consulenti di parte: il consulente della Procura invece dovrà fare un lavoro molto difficile e delicato. Dovrà ricostruire infatti i vari interventi effettuati e stabilire se e come siano stati commessi errori. Dovrà stabilire inoltre se sono stati rispettati i protocolli e soprattutto se ci sia stata imperizia o negligenza da parte del personale medico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento