Duplice omicidio di San Prospero: ergastolo per Alessio Turco

Il giovane, rimasto l'unico imputato del processo dopo il suicidio del padre, è stato condannato al carcere a vita

Dopo il suicidio del padre Samuele Turco Alessio nel carcere di Parma è rimasto l'unico imputato nel processo per il duplice omicidio di San Prospero, avvenuto nella notte tra il 25 ed il 26 dicembre 2016 nel casolare denominato Angelica Vip Club. Alessio Turco è stato condannato alla pena dell'eragostolo. La sentenza, molto attesa in questi giorni, è arrivata nel pomeriggio di oggi, venerdì 9 febbraio. Alessio aveva recentemente rilasciato alcune dichiarazioni, con le quali aveva cercato di chiamarsi fuori, ribadendo la sua innocenza: "Non ho ucciso Gabriela e Kelly" aveva detto al Giudice Mattia Fiorentini. La Procura di Parma invece sosteneva che era stato proprio Alessio ad ideare la spedizione punitiva contro Gabriela Altamirano e Luca Manici, detto Kelly, quella sera di Natale 2016 insieme al padre Samuele. La sentenza dà ragione alla tesi della Procura. E' la prima condanna per l'efferato duplice omicidio che ha sconvolto Parma nei giorni a ridosso del Natale di due anni fa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Choc a Collecchio: muore a 12 anni per una malattia fulminante

  • La finalista parmigiana dell'ultima edizione di MasterChef Italia Marisa Maffeo ricevuta dall'assessore Casa

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

Torna su
ParmaToday è in caricamento