Smog, Parma 'aria nera': ultima in regione con 92 sforamenti di Pm10

La classifica negativa del 2011, stilata da Legambiente sulla base dei dati Arpa, vede la città ducale in testa con 92 sforamenti dei limiti di polveri sottili contro i 61 del 2010 e i 62 del 2009

Mascherine contro lo smog

Nel primo giorno dell'anno Legambiente Emilia-Romagna ha voluto ricordare che "il 2011 si é chiuso con un ennesimo periodo di sforamenti dei limiti sulla qualità dell'aria. Il numero di giorni di superamento dei limiti delle PM10 (le polveri sottili) - ha sottolineato - quest'anno sono giunti a valori astronomici, ben più alti del 2009 e del 2010 e le ultime settimane sono state caratterizzate da continua emergenza". In testa alla classifica negativa (stilata da Legambiente sula base di dati Arpa) c'é Parma con 92 giornate di sforamento (contro le 61 del 2010 e le 62 del 2009), seguita da Modena con 89 (82 e 78 nei due anni precedenti) e da Reggio con 84 (84 e 80). Piacenza è quarta con 79, ma è l'unica ad aver migliorato rispetto al 2010, quando le giornate 'nere' furono 83 (63 nel 2010). Quinta è Rimini con 73 (ma con un peggioramento notevole, come Parma, sui due anni precedenti: 58 e 36). Poi Ferrara con 71 (59 e 66), Bologna con 68 (62 e 50) e Ravenna con 67 (47 e 37). Ultima, quindi nella situazione migliore, è Forlì con soltanto 47 giornate con troppe polveri sottili, ma anche lei in leggero peggioramento sulle 45 del 2010 e le 37 del 2009.

"Purtroppo le reazioni dei comuni e della Regione sono state ancora una volta deboli e contraddittorie - ha criticato Legambiente - con blocchi del traffico programmati, poi revocati ai primi segnali di pioggia, per poi essere riattivati poco dopo. Un comportamento che non è coerente con la gravità del fenomeno e con gli effetti sulla salute. E' bene ricordare, come cita anche il sito dell'Arpa, che l'aumento delle concentrazioni delle PM10 è direttamente correlabile a aumento di ricoveri ospedalieri e di patologie per cause respiratorie e vascolari".

Per questo l'associazione ambientalista ha chiesto "che il 2012 si apra con una maggiore fermezza e con la capacità della regione e dei sindaci di mettere in atto azioni di emergenza serie e continuative assieme ad azioni strutturali sul traffico. Se i blocchi del traffico episodici non risolvono il problema a monte - ha ribadito -, è necessario comunque un forte segnale culturale che l'uso dell'auto privata deve diventare sempre più ridotto nelle nostre città. Quindi i blocchi devono essere mantenuti ed estesi ad ampie aree delle città, riducendo al minimo le deroghe".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quanto alle azioni strutturali, per Legambiente, "é necessario destinare i fondi per gli investimenti con priorità assoluta al trasporto pubblico cittadino e pendolare e alla rete delle piste ciclabili. Al contrario la nostra Regione - altra critica - sembra avere una particolare predilezione per strade e autostrade. Anche sul versante delle abitazioni l'urgenza è quella di mettere mano alla riqualificazione delle città riducendo i consumi del patrimonio edilizio costruito dal dopoguerra agli anni '90, individuando gli strumenti urbanistici ed economici per farlo. Insomma se nell'immediato i blocchi del traffico sono la soluzione da applicare - è stata la conclusione di Legambiente -, nel lungo termine la lotta allo smog si fa con i piani regolatori e sulla scelta degli investimenti infrastrutturali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento