rotate-mobile
Cronaca

Pasimafi: revocati i domiciliari a Ugo e Marcello Grondelli

Attenuazione della misura cautelare per Giuseppe Vannucci: dai domiciliari all'obbligo di firma

I giudici del Tribunale del Riesame di Bologna hanno deciso di revocare gli arresti domiciliari per Ugo e Marcello Grondelli, padre e figlio, imprenditori accusati di corruzione nell'ambito della maxi inchiesta denominata Pasimafi: secondo l'accusa un giro di tangenti e favori che ha sconvolto il mondo della sanità parmigiana e non solo. Gli avvocati di Ugo e Marcello, rispettivamente Luigi de Giorgi e Daniele Carra, avevano fatto le richieste presso il Riesame per la revoca della misura cautelare, puntando sull'assenza del pericolo di reiterazione del reato e dell'inquinamento delle prove. Per l'imprenditore Giuseppe Vannucci invece i domiciliari sono caduti ma resta l'obbligo di firma: il Gip di Parma Maria Cristina Sarli, con il parere favorevole del Pm Amara, ha deciso infatti l'attenuazione della misura cautelare. Marcello Grondelli, amministratore delegati della Spindial, si è dimesso dopo lo scandalo: è accusato di concorso in corruzione insieme al padre Ugo, considerato dagli inquirenti come amministratore di fatto dell'azienda di Lemignano, produttrice di dispositivi medici.. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pasimafi: revocati i domiciliari a Ugo e Marcello Grondelli

ParmaToday è in caricamento