menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tra conchiglie e frutta secca. Fontevivo, sfida tra 25 presepi poveri

Chi si immaginava che un presepe potesse stare in una zucca? Che le zollette di zucchero diventassero i mattoni di una capanna/igloo al Polo Sud, tra ghiacci perenni e pinguini festanti?

Chi si immaginava che un presepe potesse stare in una zucca? Che le zollette di zucchero diventassero i mattoni di una capanna/igloo al Polo Sud, tra ghiacci perenni e pinguini festanti? Che una vecchia anfora potesse svelare un simile “tesoro”? O che una fila ordinata di pennarelli e matite colorate attendessero il loro turno per salutare l’arrivo di Gesù Bambino?

L’inventiva dei creatori di presepi poveri di Fontevivo per la nona edizione del Concorso si è scatenata. Tra i 25 esemplari in gara, sottoposti al giudizio di una giuria in questi giorni, c’è proprio di tutto: conchiglie, frutta secca, legno, cartone, rettangoli di stoffa, pizzi e merletti. E, ancora, zucchero e farina, biscotti e pasta secca, muschio, vetro e ceramica. Ognuno dei partecipanti, grandi o piccoli che fossero, ha creato e assemblato secondo la più viva fantasia. Unica regola: riciclare oggetti domestici e d’uso comune, quelli che normalmente si trovano in casa, per realizzare un’opera originale.

La premiazione si svolgerà, come è tradizione, il giorno della Befana: lunedì 6 gennaio, infatti, alle ore 14.45 nel teatro Maria Luigia a Fontevivo lo spettacolo “Vassilissa e la Baba Jaga” divertirà grandi e piccoli in attesa del momento in cui quattro opere – tre realizzate da bambini e ragazzi e una da adulti – riceveranno l’attestato di merito e una Gift card di valore variabile per l’acquisto di libri.  Intanto, ancora per qualche giorno i presepi resteranno esposti dentro l’Abbazia cistercense di San Bernardo per essere ammirati e commentati. Una nuova iniziativa permetterà anche di esprimere la propria preferenza sulla pagina Facebook del Comune www.facebook.com/Comune.Fontevivo.Governance e confrontare, quindi, il proprio giudizio con quello espresso dalla giuria. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 134 contagi e 2 morti

  • Cronaca

    Omicidio di via Volturno: Patrick Mallardo non risponde al Gip

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento