Cronaca

Prostituzione nel centro estetico: "Le recensioni online dei clienti parlavano di prestazioni sessuali"

Il Procuratore Capo Alfonso d'Avino: "Nel periodo delle indagini 140 incontri e guadagni per 445 mila euro"

Sfruttamento della prostituzione all'interno di un centro estetico del quartiere Montanara. Due donne, una parmigiana e una brasiliana, sono state arrestate dai carabinieri, al termine delle indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Parma. 

"I canali Web sono utilizzati per pubblicizzare tutto, comprese questo tipo di  prestazioni - sottolinea il Procuratore Capo di Parma Alfonso d'Avino.  La prostituzione mascherata dietro un centro estetico: la chiave di lettura ci è stata data consultando le recensioni della clientela, dalle quali si capiva che il centro non era ricercato per attività di massaggio ma solo per la prostituzione. I clienti pagavano delle somme specifiche per ogni tipo di prestazione e lo scrivevano nelle recensioni. Dal periodo delle indagini sono state documentati oltre 140 incontri di carattere sessuale ma attraverso l'esame della documentazione si è ricostruita tutta l'attività dal 2019:  445 mila euro di guadagno solo per le attività illecite"

"Questa attività  - sottolinea Giovanni Martufi, Comandante del nucleo investigativo del comando provinciale di Parma,  - è nata sulla scorta della precedente, quella dell’aprile del 2021, che aveva portato al sequestro del locale, un circolo notturno adibito a night club, sempre per sfruttamento della prostituzione. Questo nuovo esercizio, celato dietro un centro massaggio, era nel cuore della città. I primi anni hanno avuto un incasso maggiore, poi a causa del lockdown c’era stato un calo del ‘fatturato’. Ma avevano ovviato per appuntamenti domiciliari. 140 appuntamenti certificati da gennaio a maggio, per una somma di 445mila euro, alla quale va decurtato il 25-30% da destinare alle ragazze. Da qui il sequestro preventivo. Le difficoltà principali sono state quelle di svolgere un'attività di monitoraggio senza far sospettare nulla alle indagate. Nel periodo del lockdown le difficoltà sono state quelle di capire l'alternativa che avevano adottato per continuare l'attività di sfruttamento di prostituzione". 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prostituzione nel centro estetico: "Le recensioni online dei clienti parlavano di prestazioni sessuali"

ParmaToday è in caricamento