Public Money, Buzzi è libero. Villani e Costa: domani la decisione

L'editore di Polis Quotidiano, arrestato il 16 gennaio per corruzione e peculato, è stato scarcerato: i domicilicari gli sono stati revocati. Domani il Riesame decide per Villani e e Costa, ancora agli arresti

Angelo Buzzi è libero. L'editore di Polis Quotidiano, arrestato il 16 gennaio 2013 nell'ambito dell'inchiesta Public Money è stato rimesso in libertà dal Giudice per le Indagini Preliminari. L'ex sindaco Pietro Vignali era già stato scarcerato dagli arresti domiciliari, grazie al ricorso dei suoi legali al Tribunale del Riesame di Bologna. Restano per ora ai domiciliari l'ex presidente di Stt Andrea  Costa e l'ex vicepresidente di Iren Luigi Giuseppe Villani. Ma già domani anche loro potrebbero essere messi in libertà dal Tribunale del Riesame.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento