Mobilità sostenibile, Parma sul podio. E' la terza città eco-mobile d'Italia

E' il risultato dell'indagine su 50 citta italiane, elaborato da Euromobility con il contributo di Bicincittà e FIT Consulting e con il Patrocinio del Ministero dell'Ambiente

Città eco-mobili d'Italia. Parma sul podio. Al terzo posto, dietro Brescia e alla capolista Torino. E' il risultato della graduatoria del sesto Rapporto 'Mobilita' sostenibile in Italia: indagine sulle principali 50 citta", elaborato da Euromobility con il contributo di Bicincittà e FIT Consulting e con il Patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare. Questo sesto Rapporto - spiega Lorenzo Bertuccio, Direttore scientifico di Euromobility - conferma la diffusione del bike-sharing e una decisa ripresa del car-sharing, ma segnala una battuta d'arresto nell'aumento delle auto a gpl e metano". Il car-sharing, l'auto condivisa, dopo la battuta d'arresto del 2010, inizia nuovamente a crescere anche nel nostro Paese - si legge nel Rapporto - 16,2% rispetto all'anno precedente e le automobili del 12,4%. Milano mantiene la pole position per numero di utenti seguita da Venezia e Torino.

Sul fronte trasporto pubblico, la maggiore offerta si registra a Milano, Cagliari, Venezia e Torino, mentre il maggior numero di passeggeri viaggiano a Venezia, Roma e Milano. Inalterata rispetto allo scorso anno la classifica per le due ruote a motore: il tasso più elevato si registra a Livorno, seguita da Genova e Catania, mentre le città con meno motocicli e ciclomotori sono Foggia, Venezia e Potenza. Si arresta nel 2011 la crescita del numero di auto a gas nelle 50 città mentre il 2010 aveva registrato un boom di auto a gas, grazie anche agli incentivi, con un aumento di quelle a gpl rispetto all'anno precedente del 19,7% e di quelle a metano del 7,8%, il 2011 registra purtroppo una battuta di arresto.

Si confermano Ravenna, Ferrara e Bologna, con una media intorno al 18%, le città dove il gas va per la maggiore. Fanalini di coda nella classifica sempre Trieste, Udine e Siracusa. Sul fronte della sicurezza è sempre Bergamo la città con il maggior numero di incidenti ogni 100 abitanti seguita da Monza e Vicenza. Strade molto più sicure rispetto all'anno precedente per numero di incidenti a Bari, Milano e Udine, mentre a Brescia, Bari, Piacenza e Messina è diminuito di molto l'indice di mortalità. A Venezia, infine, il primato dei parcheggi di interscambio, mentre a Bologna quello della tariffazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento