Greci di Ravadese, debiti e mancati pagamenti: sciopero di 4 ore

I sindacati hanno proclamato l'astensione dal lavoro per 4 ore, giovedì 28 giugno. La Triplice contesta il mancato confronto sul piano industriale, le passività di bilancio e il ritardo della 14esima

L'industria Greci di ravadese

Sono molteplici le ragioni che hanno indotto Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil e R.S.U aziendale a proclamare quattro ore di sciopero alla Greci Industria Alimentare di Ravadese per il prossimo 28 giugno.

I sindacati, si legge in una nota, in occasione di serrati incontri con la direzione "hanno più volte sollecitato l'azienda in merito a questioni di assoluto rilievo quali la gestione della cassa integrazione straordinaria e la presentazione di un piano industriale che indichi le strategie per far fronte all'attuale stato di crisi. Crisi originata da una incauta esposizione finanziaria con un debito consolidato giunto a dimensioni critiche ed un bilancio che registra, per l'anno trascorso, una passività superiore al milione di euro. Gli investimenti di questi anni, ai quali non sono conseguiti i risultati attesi, hanno progressivamente intaccato l'equilibrio finanziario dell'azienda. Inoltre la situazione generale di mercato condizionerebbe negativamente tanto la possibilità di collocazione dei prodotti quanto la remunerazione degli stessi".

Le istanze del sindacato sono cadute nel vuoto. "Sulla cassa integrazione - dice la Triplice - l'azienda ha escluso qualsiasi modifica all'attuale impostazione che vede sospesi a zero ore 24 dipendenti che potrebbero continuare a svolgere, seppur parzialmente, la propria mansione. Per quanto concerne il piano industriale, se si esclude un succinto estratto di poche pagine, non lo si è voluto evidentemente condividere con le rappresentanze dei lavoratori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In un simile contesto - conclude la nota - il ritardo sull'erogazione della quattordicesima mensilità non può che confermare la gravità del momento, allarmando ulteriormente i dipendenti che sopportano quotidianamente una situazione di forte disagio ed incertezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Da Piazza della Pace a Piazza Garibaldi: anche Parma protesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento