Nella casa-laboratorio spacciava la ketamina a domicilio: 22enne in manette

Un giovane parmigiano che viveva a Fontevivo è stato arrestato dai Carabinieri che erano sulle sue tracce da tempo

Un giovane parmigiano di 22 anni aveva creato, nel corso del tempo, un vero e proprio commercio a domicilio di sostanze stupefacenti: i clienti da lui potevano trovare vari tipi di droga, dalla cocaina alla marijuana, dall'hashish alla ketamina. Nella sua abitazione di Fontevivo aveva allestito uno spazio con tutto il necessario per l'attività di spaccio: aveva, oltre alla droga, anche un bilancino di precisione e materiale usato per il confezionamento. I Carabinieri, che lo seguivano da tempo, sono entrati all'interno dell'abitazione del giovane, che viveva da solo, per una perquisizione ed hanno trovato 35 grammi di marijuana, 62 grammi di hashish, 3 grammi di cocaina e 8 di ketamina. Il 22enne, che aveva una regolare attività lavorativa, è stato arrestato dai militari ed ora si trova agli arresti domiciliari, in attesa del processo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Si tuffa in mare a Forte dei Marmi: 18enne parmigiano disperso in acqua

Torna su
ParmaToday è in caricamento