Tasse, Tari più leggere per bar e piccolo commercio

Sostenere il commercio di vicinato, per esercizi fino a 250 metri quadrati di superficie e i bar, è l'obiettivo della misura che prevede agevolazioni sulla Tari, promossa dall'assessorato al commercio, guidato da Cristiano Casa

Bolletta Tari più leggere per bar e piccolo commercio. Sostenere il commercio di vicinato, per esercizi fino a 250 metri quadrati di superficie e i bar, è l’obiettivo della misura che prevede agevolazioni sulla Tari, promossa dall’assessorato al commercio, guidato da Cristiano Casa, grazie al coinvolgimento dell’assessorato all’ambiente guidato da Gabriele Folli. La misura si estende all’intero territorio cittadino. La riduzione tocca sia la parte fissa che quella variabile della tariffa. Anche se maggiori dettagli verranno illustrati in occasione dell’approvazione della Delibera in Consiglio comunale, si possono fare alcuni esempi: Negozi di abbigliamento, calzature, librerie, cartolerie, ferramenta e altri beni durevoli -31% per mq di superficie; Edicole, farmacie, tabaccai e plurilicenze -46% per mq di superficie; Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio -48% per mq di superficie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La riduzione dei tributi comunali per il commercio va inquadrata in un disegno strategico che va dagli incentivi alle nuove aperture, alle facilitazioni all’avvio di nuove attività in centro storico attraverso i progetti di valorizzazione commerciale che sono allo studio – precisa l’assessore Casa”. Il risultato è stato ottenuto attraverso una rimodulazione dei coefficienti moltiplicatori previsti dalla Legge per ciascuna delle categorie di aggregazioni di utenze non domestiche, operando la massima riduzione consentita nei confronti delle attività da tutelare e un corrispondente innalzamento nei confronti di altre categorie non domestiche con coefficienti oggettivamente molto bassi per le rispettive categorie come ad es. le banche e gli ipermercati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

  • Influenza: a Parma il primo caso in un bimbo di 9 mesi

  • Coronavirus: a Parma 15 nuovi casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento