Tentò di strangolare la figlia di un anno: condannata a sei mesi

In via San Leonardo una 30enne aveva sfilato la canottiera della bimba, iniziando a stringere: poi aveva morso i poliziotti che erano riusciti a strapparle di mano la figlia

Era uscita dalla sua abitazione in via San Leonardo gridando, le urla erano state sentite dai passanti, che avevano subito chiamato la polizia. Poi, ad un certo punto una madre di 30 anni aveva tolto la canottiera alla figlia di un anno, iniziando a stringere. Quel gesto pericolosissimo era stato visto in diretta dagli agenti, aggrediti dalla donna che li aveva morsi. La bambina, comunque, era stata portata in salvo. L'episodio si verificò nel mese di maggio. Ieri il Gip Sara Micucci ha concesso il patteggiamento a sei mesi, con le attenuanti generiche: la donna si trova attualmente in una casa di cura, dopo essere stata prima agli arresti domiciliari e poi ricoverata al Diagnosi e Cura. Quella sera i passanti e i poliziotti avevano temuto per l'incolumità della bambina: la madre, sotto choc, si era messa ad urlare senza motivo in strada, poi aveva messo a rischio la piccola, fino all'epilogo con la stretta al collo della canottiera. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Choc a Collecchio: muore a 12 anni per una malattia fulminante

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

Torna su
ParmaToday è in caricamento