menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maxi operazione contro il terrorismo: 52enne indagato a Parma

Un uomo residente nel quartiere Montanara è accusato dalla Finanza di Brescia di aver trasferito illecitamente denaro a favore di un'organizzazione combattente siriana

Una maxi operazione contro il terrorismo di matrice islamica è scattata nella giornata di ieri 10 maggio: l'inchiesta portata avanti dalla Guardia di Finanza di Brescia e dalla polizia di Brescia ha permesso di far venire alla luce due presunte cellule di supporto al terrorismo islamico: sono scattati tredici arresti. Tra gli indagati c'è anche un uomo di 52 anni, di origine libanese e da anni residente a Parma, nel quartiere Montanara con la sua famiglia. Le pesante accuse nei suoi confronti riguardano una presunta attività di trasferimento di denaro che avrebbe avvantaggiato l'organizzazione Jahbat Al Nusra, un gruppo di matrice qaedista che combatte il regine siriano di Assad. Il reato contestato è di esercizio abusivo di attività finanziaria. I soldi, secondo gli inquirenti, da attività illeciti come la tratta di esseri umani. Il flusso di denaro complessitivo che sarebbe andato ad alimentare i gruppi combattenti ammonterebbe a circa 2 milioni di euro; una parte di quel denaro sarebbe passato da Parma. I famigliari dell'uomo respingono le accuse che ovviamente dovrenno essere verificate. 

Scatta l'operazione antiterrorismo: 14 arresti

Sono ritenuti responsabili di supportare formazioni combattenti di matrice integralista islamica operanti in Siria i dieci siriani colpiti da ordinanze di custodia cautelare in carcere e che appartenevano ad un'associazione a carattere transnazionale dedita al riciclaggio e all'abusiva attività di servizi di pagamento. Per due di loro è stato contestato il reato di finanziamento al terrorismo.

Un'altra inchiesta, in Sardegna, ha portato la Digos di Sassari a individuare 4 militanti di origine siriana e marocchina accusati di far parte di una cellula di supporto dell'organizzazione qaedista Jabhat al Nusra, operante in Siria. Le accuse sono di associazione con finalità di terrorismo, finanziamento del terrorismo e intermediazione finanziaria abusiva.

Nel corso delle indagini è stato scoperto il meccanismo di finanziamento ai combattenti in Siria. In pratica, uno degli arrestati aveva organizzato una rete in tutta Europa. I trasferimenti di denaro avvenivano attraverso intermediari che erano già in Medio Oriente. Una volta ricevuta la conferma del pagamento della somma di denaro da parte della persona interessata al trasferimento, l'uomo faceva poi ottenere il controvalore direttamente ai destinatari in Siria attraverso dei fiduciari, trattenendo una percentuale per ogni operazione.

I complimenti del Ministro Minniti 

Il ministro dell’Interno, Marco Minniti, si è complimentato per l’operazione antiterrorismo, eseguita dalla Polizia di Stato e dalla Guardia di Finanza e coordinata dalla Procura Nazionale antimafia e antiterrorismo, che ha portato ad arresti e perquisizioni in diverse regioni d’Italia disposti dalle Direzioni distrettuali di Brescia e Cagliari.

«Questa operazione – ha sottolineato il ministro Minniti – costituisce un altro importante tassello delle azioni di prevenzione e contrasto al terrorismo internazionale che si sono sviluppate in questi mesi nel nostro Paese. Quella di oggi è il risultato di un’attività investigativa a 360° che ha consentito di svelare e neutralizzare strutture potenzialmente ostili»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Attualità

Vaccino Moderna: Sda consegna oggi altre 21.600 dosi

Attualità

Inquinamento, bollino verde: niente stop ai diesel Euro 4

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Tragico schianto in A1 tra due camion: muore un 55enne

  • Cronaca

    Covid, meno di 70 casi e un decesso

  • Cronaca

    I presidi: "Didattica in presenza al 100%? E' un azzardo"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento