Tentò di uccidere un connazionale: in manette un operaio indiano

Nel 2008, il 24enne, era stato condannato a 5 anni e 4 mesi di reclusione dopo una lite a Bardi dove aveva gravemente ferito un uomo. La pena era stata sospesa per il ricorso in Cassazione, oggi respinto

Arresto dei carabinieri

I carabinieri di Parma hanno arrestato S.S., un operaio agricolo 24enne di origine indiana che il 18 ottobre 2008, durante una lite con un connazionale a Bardi, aveva procurato all'uomo gravi ferite dopo averlo colpito al capo con un corpo contundente. La lite era scaturita per futili motivi e a detta dell'arrestato era riconducibile alle continue vessazioni di cui sarebbe stato vittima sul lavoro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo il fatto, S.S. fu arrestato e condannato a 5 anni e 4 mesi di reclusione con l'accusa di tentato omicidio. Ma la pena venne sospesa in seguito al ricorso esperito dall'operaio indiano in Corte di Cassazione. Martedì scorso, il 20 settembre, il ricorso è stato rigettato e i carabinieri, dopo aver rintracciato l'uomo a Parma, lo hanno condotto in via Burla dove dovrà scontare la pena prevista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Allerta meteo arancione per temporali, temperature in picchiata

  • Coronavirus, a Parma zero decessi e zero contagi

Torna su
ParmaToday è in caricamento